SEGNALI
- Indietro -


Gina Fasoli
Scrive di lei la sua allieva, prof.ssa Francesca Bocchi 1

Stampa l'articolo

Giovedì, 20 Maggio 2004

A cura di Alessandra Visser





La prof.ssa Gina Fasoli

Gina Fasoli è nata a Bassano il 5 giugno del 1905. Apparteneva a quella che si definiva una "buona famiglia": il padre Arturo, ingegnere civile laureatosi a Padova nel 1902, aveva al suo attivo studi per lo sfruttamento dell’energia idraulica, la progettazione e la realizzazione dell’acquedotto di Mestre e di quello consorziale dell’altipiano di Asiago, quando il 10 giugno del 1906, non ancora ventisettenne, un’infezione da cibo guasto lo sottrasse alla famiglia e alla giovane sposa, Adele Pozzato, che da un anno gli aveva dato la figlia Luigina. Anche la famiglia materna aveva tradizioni borghesi assai radicate: il nonno Francesco Pozzato, assessore al comune, nel 1895 era stato uno dei sostenitori della costruzione dell’acquedotto di Bassano, una decisione importante che consentì un salto di qualità nella vita cittadina, coma dimostra il calo della mortalità infantile che seguì quella deliberazione. Il bisnonno Sante era titolare di uno stabilimento tipografico, erede della tradizione remondiniana, dove sono state stampate anche opere impegnative. L’ambiente familiare e quello delle amicizie aveva favorito le naturali doti di intelligenza, volontà e acutezza di Gina Fasoli, nell’austerità di un’educazione cattolica che individuava nel lavoro e nell’impegno l’esaltazione non solo dei principi cristiani, ma anche di quelli laici, e che al contempo considerava un valore primario l’autonomia del pensiero e del giudizio individuale.
L’istruzione elementare si è svolta in ambito familiare e privato per non esporre una bambina ritenuta gracile di bronchi ai rischi del contagio per la frequenza di luoghi affollati. Il ginnasio, raggiunto a nove anni, grazie agli ottimi risultati conseguiti, lo ha frequentato presso il Liceo di Bassano, dove ha trovato un contesto sociale non troppo diverso da quello conosciuto, poiché era frequentato dai figli dei parenti e degli amici che frequentavano la casa dei nonni. La presenza di una bambina in un tipo di scuola, che generalmente si ritiene frequentata da ragazzi, non deve stupire troppo, perché le aperture verso la formazione culturale femminile erano, anche in quei primi decenni del nuovo secolo, una realtà che cominciava proprio allora a prendere corpo nel Paese, non esclusa Bassano, città che vantava una tradizione culturale assai vivace.
Le fatiche che esigeva un ginnasio selettivo, come era quello di allora, non turbarono minimamente la bambina, che ebbe la fortuna di aver in sorte un insegnante ben preparato – era un giovane sardo, Vincenzo Tedesco, che avrebbe conseguito poco dopo la libera docenza in filologia romanza – di cui conservò un ricordo molto vivo. Di quegli anni però, da adulta, ricordava non tanto le difficoltà della scuola, quanto le correnti gelide, le soste senza cappotto nel chiostro del convento in cui era situato il Liceo in attesa di entrare in aula, il rischio di prendersi malattie da raffreddamento, in un’epoca che ancora non conosceva antibiotici e penicillina.

Certo che fu proprio in quegli anni bassanesi che maturò la sua vocazione di storico e in particolare di storico medievista, alimentata dai racconti su Ezzelino da Romano, eroe negativo, personaggio terribile e grande che segnò in maniera determinante la storia di quelle regioni. Il luogo e il tempo del manifestarsi di quella vocazione erano ben presenti alla sua mente, anche se circoscritti e soffusi dal ricordo di una casa – la casa dei nonni di Sedea – che rappresentò per tutta la vita il suo paradiso perduto.

Gli avvenimenti tragici vissuti all’epoca della disfatta di Caporetto hanno avuto conseguenze rilevanti anche per Gina Fasoli, poiché insieme alla madre si trasferì a Bologna, non solo per sfuggire ai pericoli dell’esercito nemico avanzante, ma anche in vista del completamento degli studi della giovane.

Nonostante il trasferimento a Bologna, la sua presenza a Bassano avrebbe pur tuttavia assunto la regolarità della cadenza annuale delle vacanze estive, in un legame con la propria terra d’origine che non ha mai conosciuto incrinature, anzi, la sua esistenza appariva quasi sdoppiata in conseguenza dei suoi trasferimenti estivi a Bassano, tanto che quando parlava della sua vita in generale, passata o presente, quello che faceva a Bologna, da studente poi da professore durante i nove mesi della vita accademica, apparteneva ad una sfera diversa da quello che accadeva a Bassano, durante i tre mesi estivi.

Completati gli studi superiori al Liceo Classico Minghetti di Bologna, nel 1922, a diciassette anni, si iscrisse alla Facoltà di Lettere dell’Ateneo bolognese. Degli studi universitari, completati a giugno del quarto anno, mantenne un ricordo vivo, che espresse, con un segno di sentita gratitudine nei confronti dei suoi maestri, nel 1986, in occasione di alcune riflessioni autobiografiche, nelle quali, più che ottuagenaria, cominciava a fare i conti con la propria vita.

Fra i maestri dell’Università che ricordava con maggior gratitudine ci fu Raffaele Petazzoni che aveva potuto seguire per un solo anno in un corso sulle religioni misteriche. Ne aveva ricavato aperture non prima conosciute, poiché quelle lezioni avevano fatto scoprire ai suoi studenti come il problema della purificazione e dell’infinito fosse universale. Furono lezioni determinanti nella formazione della giovane studiosa, che anche nei tempi successivi mantenne un interesse vivissimo per queste manifestazioni del pensiero e dello spirito, come si comprende dalle sue letture di quegli anni giovanili, delle quali si conserva traccia, per l’abitudine che aveva di datare e postillare, in maniera discreta, i propri libri.

La scelta della tesi di laurea (statuti comunali inediti di Bassano) fu diretta con sicurezza verso la storia medievale, allora insegnata da Pietro Torelli, professore di paleografia. Egli ha avuto il merito straordinario di saper valorizzare le doti intellettuali di Gina Fasoli, facendola applicare su tematiche che le erano congeniali, e che avrebbero caratterizzato tutta la sua attività di storico, con un taglio che era paleografico solo per quel tanto che era strettamente necessario (solo due pagine della dissertazione sono dedicate alla descrizione del codice), con una visione aperta su tutti i problemi che riguardavano la società medievale.
Quanto nella tesi di laurea sia dovuto all’insegnamento del Torelli, è difficile dire, ma parrebbe assai poco, perché nell’approccio ai temi c’è già tutto il piglio che avrebbe caratterizzato il resto della sua attività di storico, anche se negli anni più maturi avrebbe attutito le tinte, che, al confronto della leggerezza del tocco che distingue i suoi scritti, si potrebbero definire forti nei pochi punti della tesi cui accenna a Bassano, non come soggetto del suo studio, ma come sua terra natale. È veramente straordinario constatare che si è di fronte al lavoro di una ventenne, che si proponeva, attraverso lo studio degli statuti inediti, di verificare la struttura e il funzionamento del comune di Bassano, affrontando tematiche socio-economiche e giuridiche che andavano ben al di là di una tesi in “Paleografia e diplomatica”. Quale fosse lo scopo del lavoro che aveva preparato è espresso nelle pagine introduttive con poche, ma esaurienti parole, con le quali rendeva conto dello stato della questione, lo studio degli Statuti, che era appena incominciato:

«rimaneva ancora da vedere se essi fossero un’originale creazione della terra, o se si ispirassero, e in che misura, alla legislazione della città dominante, e se, infine, ci fosse in essi traccia di una più antica legislazione. Compiuto il lungo e faticoso lavoro di trascrizione del codice, modificato quanto nei lavori del Chiuppani non mi soddisfaceva pienamente, cercai di studiare come meglio potevo, gli statuti del mio Comune».

La tesi è strutturata in maniera esemplare: esame della bibliografia, ricostruzione dei precedenti storici con particolare riferimento alle vicende padovane e vicentine, analisi della società in cui sarebbe poi maturata la stesura degli statuti, esame degli statuti e loro confronto con quelli di Vicenza e di Padova per verificare le derivazioni, descrizione delle magistrature e degli uffici del comune. Emerge in molte parti la sua già vivace capacità di leggere fra le righe, di saper cogliere informazioni indirette, di considerare gli aspetti preterintenzionali di una fonte, come avrebbe poi teorizzato molti decenni dopo nella Guida allo studio della storia, su cui si sono preparate molte generazioni di studenti.

La conclusione della dissertazione di laurea apre verso nuovi interessi e nuove prospettive, nella consapevolezza che il lavoro di ogni ricercatore è una tessera offerta a tutti per completare il mosaico della scienza. Si protende infatti verso la storia della cultura locale, ricostruita, per quanto era possibile, nella constatazione dell’assenza di una cronaca cittadina, quando ci sarebbero state le potenzialità per realizzarla:

«dobbiamo accontentarci delle poche parole che avaramente ci dicono qua e là Rolandino, Gerardo Maurisio, i Cortusi, Vincenzo Smereglo, e dei pochi documenti che i nostri vecchi ci hanno lasciato, e rintracciare attrave rso agli uni ed alle altre la storia della nostra cara terra, sperando come centocinquanta anni fa sperava Giambattista Verci, che tanto l’amava, che un giorno esca dalla polvere degli archivi qualche documento nuovo che ci dia ragione».

La partenza del Torelli da Bologna ha significato il distacco dal maestro in un momento delicato della vita di qualsiasi giovane, quando deve decidere come impostare la propria esistenza professionale. Nel caso di una donna poi, nel 1926-27, la situazione era ovviamente assai più complessa, ma in effetti la sua partenza non ha determinato difficoltà insuperabili, soprattutto grazie al carattere forte di Gina Fasoli, che di fronte alla difficoltà della vita ha saputo sempre rimboccarsi le maniche e procedere per la propria strada, nel convincimento di aver fatto le scelte giuste.

Nel 1927 fu chiamato a coprire la cattedra di Storia medievale e moderna nell’Università di Bologna il veronese Luigi Simeoni, uno storico illustre, che Gina
Fasoli ha sempre considerato il suo vero maestro, e con il quale ha intrattenuto un rapporto di consuetudine accademica che è durato un quarto di secolo.

Fra la laurea (1926) e il primo saggio pubblicato (1931) corrono cinque anni, anni basilari per la formazione di Gina Fasoli storico medievista e docente universitario:
sono stati gli anni dell’apprendistato, in cui ha visto, stando dall’altra parte della cattedra, come si facevano le lezioni e come bisognava lavorare con gli studenti nei seminari; sono stati gli anni in cui, anche ascoltando il “professore” che correggeva le risposte errate degli studenti esaminati, si è impadronita di una larga parte della sua scienza. È questo uno degli insegnamenti più importanti che Gina Fasoli a sua volta ha trasmesso ai suoi scolari: non è solo studiando, ricercando, elaborando le informazioni che si acquistano le conoscenze, sono altrettanto importanti quelle che si trasmettono per via orale fra maestro e scolaro, perché nella discussione maestro e scolaro si stimolano vicendevolmente, e producono riflessioni che altrimenti non saprebbero emergere. In questa “pedagogia” della formazione accademica Gina Fasoli fu sicuramente una maestra eccezionale, sempre paziente, non solo con gli allievi diretti, ma anche con tutti coloro che a lei si sono rivolti, fuori o dentro l’Università, come del resto aveva fatto anche Luigi Simeoni, creando un gruppo di cui, in tempi diversi, oltre alla Fasoli ci furono Eugenio Duprè e Paolo Lamma e nessuno di loro era stato suo scolaro diretto.

Cinque anni di duro lavoro nell’Archivio di Stato di Bologna, per capire la stratificazione della documentazione medievale, per orientarsi nel complicato meccanismo istituzionale del Comune, per muovere i primi passi interpretativi di una storia della quale scopriva risvolti mai prima indagati. Infatti il solido saggio sulla legislazione antimagnatizia a Bologna, pubblicato nel 1933, affrontava un tema che aveva trovato i suoi principali studiosi in Robert Davidsohn e Nicola Ottokar, che lo avevano affrontato in relazione alle vicende fiorentine, a loro volta studiate all’ombra di Dante, senza valutare però adeguatamente l’ampiezza del tema, cioè il fatto che si trattava di un episodio che scandiva le tappe delle trasformazioni politiche e sociali di tutti quei Comuni in cui si è attuato il governo popolare. Si trattava quindi di un tema legato alla storia dei Comuni italiani e peculiare ad essi, seguito con l’occhio attento all’evoluzione delle istituzioni, come la solida preparazione giuridica iniziata all’epoca di Torelli le consentiva. Si trattò da principio di chiarire le vicende legate al Comune di Bologna, senza perdere di vista quello che era successo altrove, ben presto consapevole che era necessario affrontare il problema in maniera sistematica, poiché quasi ovunque si erano presentati problemi analoghi. Proprio per queste ragioni sei anni dopo avrebbe esteso l’analisi a tutte le città dell’Italia centro-settentrionale.

Quei primi anni di lavoro scientifico, costruito sui documenti, sostenuto dalle discussioni col Simeoni, erano anche in un certo senso “allietati” dalle scorribande culturali svolte navigando su e giù per tutte le epoche per scrivere, con lo pseudonimo Gif, dei brevi articoli sui più svariati fatti storici per la «Festa», un periodico cattolico diffuso negli anni Trenta, palestra di giovani intellettuali. Si trattava di un vero e proprio lavoro remunerato, sia pur modestamente, che Gina Fasoli più che altro si divertiva a fare, ma svolto con grande onestà intellettuale e che senza dubbio ha avuto il grande merito di costringerla – se mai qualcosa o qualcuno, che non fosse lei stessa, potesse farlo – a scrivere in maniera accessibile ad un pubblico ampio di non specialisti, a chiarirsi quindi prima di tutto le idee, per poterle esprimere in maniera chiara, concisa ed esauriente, con un invidiabile stile di scrittura.

Mentre scavava nella storia comunale di Bologna, ha ripreso in mano i suoi studi iniziali, per preparare la pubblicazione degli statuti e per ricostruire le istituzioni pubbliche bassanesi nell’età che aveva seguito la fine della signoria ezzeliniana: un saggio poderoso che riprendeva, in maniera più concisa e serrata, le tematiche e i contenuti della tesi di laurea, con ulteriori approfondimenti. Questa volta al pub blico più ampio dei lettori dell’«Archivio Veneto» esponeva come, utilizzando gli statuti come fonte storica, in quanto espressione della volontà politica maturata in ambito urbano, si potevano mettere in luce le peculiarità di quella realtà politica, secondo schemi che cominciavano a non essere più quelli consueti della storiografia di allora: l’interesse cominciava ad indirizzarsi anche verso la vita quotidiana, verso ele menti che avevano a che fare con discipline non strettamente attinenti la storia medievale, nell’obiettivo di comprendere la vita del passato nella sua complessità.

Furono anni di fervido lavoro, tutti dedicati ad affrontare tematiche originali nel panorama storiografico di allora – non lo furono più dopo, proprio grazie ai suoi studi –che riguardavano la storia dei Comuni: la legislazione antimagnatizia, i borghi franchi, le compagnie delle arti e delle armi. Lavorando negli archivi, prendendo confidenza con le fonti narrative, ma anche coltivando le buone letture, come testimonia ancora una volta la sua biblioteca, è andata maturando quella grande e raffinata cultura nel senso più ampio della parola che tutti le abbiamo invidiato e che rimpiangiamo di avere perduto.

Con gli studi dedicati all’analisi delle istituzioni del Comune di Bologna, ai grovigli politico- feudali delle signorie romagnoli, e soprattutto con la pubblicazione, insieme a Pietro Sella, degli statuti di Bologna del 1288, aveva potuto conseguire nel 1940 la libera docenza in Storia medievale, che esercitò nell’Università di Bologna, dove poté entrare ufficialmente, anche se solo come assistente volontario, dopo la parentesi bellica, a partire dall’anno accademico 1947-48. Nel frattempo però un’altra geniale intuizione storiografica l’aveva portata ad affrontare un tema nuovissimo per quegli anni, quello del rapporto fra autonomie cittadine e territorio, attraverso la fondazione dei borghi franchi. Anche questo argomento veniva sfrontato con la stessa ottica della legislazione antimagnatizia, cioè nella convinzione che le città comunali, pur nella specificità di ciascuna, avevano dovuto affrontare problemi simili e avevano utilizzato strumenti analoghi per risolverli. Quello che di nuovo venne messo in luce, non fu soltanto l’aspetto politico del fenomeno, ma anche il rapporto con l’economia del territorio, la sua demografia, la struttura sociale, la proprietà della terra, i residui di signorie locali.

Luigi Simeoni andò fuori ruolo ma non in pensione nell’anno accademico 1945-45, e sulla cattedra bolognese di “storia medievale e moderna” fu chiamato Eugenio Duprè, che per parte sua in un certo senso ebbe con Gina Fasoli un rapporto di colleganza piuttosto che di gerarchia accademica, in virtù del prestigio culturale che ormai cominciava ad esserle riconosciuto. Del resto, proprio negli anni più duri e tormentati della guerra, Gina Fasoli aveva lavorato ad un libro che l’aveva proiettata completamente fuori dalle tematiche e dalle metodologie che fino a quel momento aveva frequentato. Aveva scelto un aspetto particolare del secolo X, quello relativo alle incursioni degli Ungari in Europa, affrontandolo da un punto di vista nuovo per quei tempi – ma non solo per quei tempi – cioè in un quadro che superava le barriere doganali e culturali dei singoli stati, per essere considerato nella sua specificità continentale.

L’alto medioevo era stato preferito all’età comunale e signorile, la storia cittadina e regionale aveva ceduto il passo all’Europa, statuti e cartolari comunali non servivano, le fonti agiografiche e narrative – quantitativamente molteplici e qualitativamente complesse – furono lo strumento metodologico principale per la ricostruzione storica.

Questo grande affresco, portato a termine nonostante le comprensibili difficoltà materiali dei tempi, non foss’altro per il reperimento della bibliografia, ha il merito insuperato di aver ignorato i confini nazionali, nel quadro di un’Europa che era tutta ugualmente esposta ai rischi e ai pericoli della barbarie, realizzato proprio in un momento storico che sottolineava la gracilità del vecchio continente di fronte ad una rinnovata barbarie.

Lo scavo approfondito effettuato nella grande annalistica e cronachistica italiana ed europea del secolo X, unito all’analisi delle fonti documentarie, principalmente dei diplomi regi, la cui pubblicazione era stata completata nel primo quarto del secolo e i diplomi imperiali, ha avuto il doppio effetto di avvicinare Gina Fasoli alle grandi tematiche connesse ad un periodo storico che costituisce un tornante fondamentale della storia d’Italia, i secoli X e XI, ancor più significativo, e questo è il secondo effetto, se si connette alla storia delle città italiane, che nel frangente delle incursioni ungare, dopo il primo smarrimento, avevano trovato il modo di riorganizzarsi urbanisticamente dotandosi di fortificazioni, per farsi trovare preparate di fronte ai pericoli ricorrenti.

Nacquero così, con coerenza di interessi e come naturale evoluzione del pensiero storiografico i Re d’Italia, pubblicati nel 1949, che si concludevano con lo stesso modo della tesi di laurea, rimpiangendo di non aver potuto chiarire aspetti e situazioni per assenza di fonti, come invece avrebbe desiderato per soddisfare la sua curiosità, quella curiosità che considerava la principale dote di uno storico e che cominciava già a trasmettere ai suoi scolari. Infatti, conc lusasi la bufera della guerra, il Paese andava ricostruendosi e anche l’Università cercava di riorganizzare le fila della docenza: i concorsi erano fermi da anni, molti professori erano morti per cause belliche, altri avevano lasciato l’Italia o per sfuggire alle leggi razziali o per non fare il noto giuramento al fascismo. Gina Fasoli non mancò all’appuntamento prima con il concorso a cattedre (1950), svolgendo il suo magistero prima a Catania (fino al 1957), poi a Bologna fino alla pensione.
La Sicilia ha occupato un posto importante negli studi e nel cuore di Gina Fasoli: da una parte costituiva il riconoscimento della sua autonomia professionale, dall’altra le consentiva di assumere in prima persona la responsabilità nella preparazione dei giovani. Questa responsabilità Gina Fasoli l’ha sentita molto vigorosamente e molto vigorosamente l’ha esplicata, avvicinandosi alle esigenze degli studenti, prima di tutto preparandosi adeguatamente sulla storia della Sicilia, perché era convinta che fosse necessario tenere gli studenti vicini ai loro interessi personali. Per farlo Gina Fasoli era partita dagli strumenti metodologici di base, le fonti, e aveva verificato quanto fosse difficile destreggiarsi nella cronachistica siciliana, tanto che ritenne opportuno mettervi ordine, aprendo poi la strada a molti altri studiosi che hanno tratto vantaggio da quelle sue riflessioni.

Gli anni catanesi furono fervidi e importanti nella sua maturazione di storico, essendo venuta a contatto con un mondo culturale, sia quello contemporaneo, sia quello dell’epoca cui si riferivano i suoi studi, completamente diverso da quello che meglio conosceva. Questa esperienza le ha dato un arricchimento assai significativo. Fondamentale è stato l’incontro con Carmelina Naselli, che a Catania insegnava Storia delle tradizioni popolari, poiché nei suoi studi successivi si riscontra una ancor più convinta capacità di tenere in considerazione i dati antropologici, le leggende popolari, le consuetudini, le motivazioni storiche che hanno determinato modi di dire dialettali.

Il suo faticoso e periodico percorrere l’Italia da nord a sud e viceversa, con dei mezzi di trasporto la cui efficienza si può facilmente immaginare (erano i primi anni Cinquanta), non ha minimamente fiaccato la sua volontà di conoscere a fondo la storia della Sicilia e in particolare delle città siciliane, consentendole anche di accumulare informazioni e riflessioni sui più differenti aspetti della storia delle città italiane, che cominciavano ad essere un tema cui aveva rivolto l’attenzione con particolare insistenza, sia con gli studi su Bologna e Bassano, sia negli studi di più ampio respiro dedicati al secolo X, sia affrontando tematiche feudali di Terraferma che coinvolgevano Venezia. Un tema che affrontava in modo non consueto, con un’attenzione vivace per l’aspetto istituzionale, ma con un altrettanto vivace interesse per la storia della società, per la vita quotidiana, per quella totalità della Storia che nel suo pensiero si condensava
nella «Storia come storia della civiltà».

Ma non furono questi i soli temi di studio di quegli anni: il bisogno di conoscere sempre più a fondo le vicende per capirle meglio la portò ad arretrare ancora di più i suoi studi, aprendo le ricerche sulla storia dei Longobardi, tema sul quale, nel corso dei decenni successivi, dimostrò di essere uno dei principali esperti in Italia, applicando quella che fu una caratteristica della sua storiografia per quello che concerne l’alto medioevo:
se si voleva far progredire gli studi, non si poteva continuare a percorrere le stesse strade già battute da altri, quindi bisognava “inventare” nuove fonti, saper cogliere le indicazioni indirette, utilizzare i risultati di altri contesti disciplinari. Frattanto a Bologna era morto, nel giugno del 1952, Luigi Simeoni che aveva salutato l’affermazione di Gina Fasoli nella competizione concorsuale in maniera sobria e lieve, ma puntuale («Vengo a rallegrarmi della Sua vittoria dovuta a un tenace, intelligente e onesto lavoro. Auguri cordiali. Suo Luigi Simeoni»), senza sottolineare il fatto, che invece era rilevante, che era la prima volta nella storia d’Italia che una cattedra universitaria di Storia medievale era coperta da una donna: era un vezzo per Gina Fasoli dire che era l’unico professore di storia che sapesse ricamare, ma in realtà portava sulle sue spalle di donna tutto il peso di dover sempre dimostrare, giorno dopo giorno, di meritare il traguardo raggiunto.
I primi anni Cinquanta videro la ricostruzione del Paese e il suo avviarsi verso uno sviluppo che si riscontra anche nella riorganizzazione degli studi storici, sia con la costituzione del «Centro Italiano di Studi sull’alto medioevo» di Spoleto, sia con la ripresa dei grandi congressi internazionali quinquennali di scienze storiche, di cui quello di Roma del 1955 segnò una tappa importante nello sviluppo degli studi, perché, fra le altre cose, prese vita il primo embrione della Commission Internationale pour l’histoire des Villes, un organismo europeo che aveva – e che ha – lo scopo di studiare la città europea da un punto di vista comparatistico.
Nella Commission, prima presieduta da Hermann Aubin (1955-58), poi da Hektor Ammann (1958-67) e da Philippe Wolff (1967-1986), furono presenti anche tre membri italiani, che, fino al 1980, si sono succeduti nelle persone di Ernesto Sestan, Eugenio Duprè, Carlo Guido Mor, Cinzio Violante e Gina Fasoli.
Gina Fasoli considerava molto positivamente il lavoro della Commission, così come gli incontri della Reichenau, l’altro organismo nel quale si trovò ad operare insieme ai colleghi e amici Raoul Manselli e Giovanni Tabacco. In quei contesti internazionali sapeva portare tutto il peso della sua ormai collaudata esperienza, ma con l’umiltà che derivava dalla consapevolezza e dall’intelligenza del proprio valore e che è la forza della scienza. Erano solo riunioni periodiche e di lavoro, ma agli scolari bolognesi parevano incontri mitici, quando al suo ritorno ne comunicava i contenuti scientifici, Nel consiglio direttivo del Centro di studi sull’alto medioevo di Spoleto entrò nel 1966, dopo aver svolto due importanti lezioni: la prima alla Settimana sui Caratteri del secolo VII (1957) dedicata a que gli aspetti della vita economica e sociale italiana che le fonti – trattate come lei le sapeva trattare – le consentivano di far emergere; la seconda su Castelli e signorie rurali (1965) introduceva nuovi elementi di interpretazione del feudalesimo italiano.

Nel 1957 cominciò anche il suo insegnamento a Bologna. L’Ateneo bolognese ha presto riconosciuto il significato innovativo della sua ricerca e l’impegno didattico, affidandole la prolusione per l’apertura dell’anno accademico 1960-61 (l’VIIIcLXXIII della sua storia): era la prima volta che nell’Università più antica risuonava una voce femminile e lo faceva su un tema storiografico con il quale metteva ordine nell’interpretazione delle tematiche riguardanti la storiografia romantica, evidenziando come lo stesso Risorgimento italiano avesse cercato nel Medioevo il formarsi dell’identità nazionale.

All’Università di Bologna Gina Fasoli ha dato molto, non solo per l’attività didattica, nella quale riproponeva il modello che aveva raccolto dai suoi anni giovanili, dopo averlo sperimentato all’Università di Catania e averlo poi arricchito con quell’attenzione e disponibilità che sapeva dare a quegli studenti e scolari che dimostrassero di meritarla.

Aveva anche saputo costruire dal nulla una biblioteca che oggi è, fra le biblioteche specia lizzate, una delle più fornite di Bologna. Aveva capito quanto fosse importante anche la conoscenza degli altri periodi storici, non solo per la comprensione del medioevo, ma perché, pur amandolo, sapeva che il ruolo della Storia nella formazione e nella cono scenza è indifferente alle sue specificazioni cronologiche. Aveva anche saputo mettere in pratica i principi metodologici interdisciplinari che nei suoi studi appaiono ad ogni pagina, dando vita, fin dal 1957, all’Istituto di Discipline Storiche e Giuridiche, senza però trincerarsi, come allora si usava, dietro la struttura monocattedra che le avrebbe consentito di regnare accademicamente fino alla pensione. Invece, quasi precorrendo di trent’anni la riforma dell’Università del 1980, aveva chiamato docenti di altre discipline storiche e di discipline che allora si chiamavano ausiliarie della storia, proprio in nome di quella visione totale della storia che praticava negli studi.
Gli avvenimenti legati al ‘68 sono stati affrontati da Gina Fasoli con fermezza e saggezza: se da una parte condannava le manifestazioni estremistiche, dall’altra sapeva cogliere i lati positivi di un movimento che, partendo dalle Università, ha tanto inciso sulla società italiana nei decenni successivi. Ancora oggi nell’ambiente universitario bolognese si ricorda il giorno in cui, in un’aula affollata da alcune centinaia di studenti che attendevano la sua lezione, alcuni tentarono di impedirle l’accesso alla cattedra: con un balzo insospettato in una persona che aveva già passato la sessantina saltò sulla cattedra e da quella specie di pulpito ha tenuto una delle sue più belle lezioni.

Dagli anni Sessanta in poi Gina Fasoli storico ha lavorato contemporaneamente su vari argomenti: le tematiche sono molteplici, si diradano le ricerche d’archivio di prima mano sui documenti, per lasciare il posto a ben più ardue attività di sintesi, in cui veniva messa a frutto tutta la sapienza della sua feconda maturità.
Non è necessario seguire puntualmente tutti i filoni di studio: se per gli studiosi dell’alto medioevo Gina Fasoli era una specialista di Ungari e di Longobardi, di feudi e di castelli – ma poi capace di fare grandi sintesi non solo storiche, ma anche più ampiamente culturali e antropologiche – per i basso medievisti era nota per essere specialista di comuni e di impero, di Lega lombarda e di Federico II, di Studia e di Università, per chi frequentava la storia dell’urbanistica dal versante degli studi di architettura era lo storico che sapeva tenere conto anche delle strutture fisiche delle città.

Uno degli elementi che caratterizza gli studi di Gina Fasoli sulla città è proprio la sua attenzione per gli aspetti topografici e urbanistici. Non era così scontato, e non lo è tuttora, che uno storico medievista avesse presenti anche le tematiche connesse alle strutture materiali. Invece per Gina Fasoli la fotografia aerea di una città, che ritraeva il volto di un organismo vivo e vitale da una distanza che era ad un tempo reale e misurabile ma anche simbolica e metafisica, era una vera e propria fonte storica, capace di dare informazioni a chi avesse saputo cercarle e trovarle. Non si possono dimenticare certi seminari nei quali spiegava che cosa significassero i circuiti di strade parallele situati all’interno di una struttura urbana, quali storie raccontassero di fossati colmati e di terrapieni abbattuti, di come le necessarie trasformazioni che un organismo vivente portava con sé non fossero che una specie di libro nel quale era scritta la storia della città.

Fu proprio nell’ambito della storia urbana che sentì molto forte la funzione dello storico nella vita civile: il dovere che aveva lo studioso di interpretare le trasformazioni cittadine e di far conoscere i risultati delle proprie ricerche a chi era chiamato a fare scelte politiche di sviluppo, se voleva che quelle scelte fossero consapevoli, basate sulla conoscenza di un organismo che aveva avuto il suo maggior sviluppo in età medievale, secondo una normativa precisa, con la quale bisognava far i conti se si voleva continuare a vivere oggi in una città che era cresciuta in un’altra epoca con altre regole.

Anche la storia urbanistica di Bologna nel medioevo è legata al nome di Gina Fasoli.

Sono state decisive le indicazioni relative al significato urbanistico del ciclo santorale delle “Quattro Croci” che delimitavano la città tardoantica, così come l’attribuzione della cinta muraria di selenite all’epoca di Teoderico e la ricostruzione delle successive fasi di urbanizzazione in età longobarda in base alla toponomastica e alle dedicazioni tipiche. Infatti quel suo saggio ha messo in moto gli studi di storia urbanistica bolognese che languivano da molti anni, fermi al Finelli (1927) se non addirittura al Gozzadini (1868). L’aver messo in relazione la costruzione della prima e più antica cerchia muraria con le condizioni politico-economiche del regno di Teoderico, con la politica di “attenzione” di quel re per le città e i loro monumenti antichi, per il decoro e la fortificazione delle città, fu una scelta determinata da una metodologia investigativa che doveva fare i conti con la totale assenza di altre fonti e che giustamente privilegiava l’inquadramento della storia di Bologna nel più ampio contesto della penisola. Dopo quel saggio, era il 1966, non sono ancora state rinvenute altre fonti che confortino quell’ipotesi, ma c’è sempre la possibilità – come lei stessa aveva auspicato ai tempi della tesi di laurea – che dagli archivi e dagli scavi archeologici esca qualche cosa «che ci dia ragione».
Intonata alla sua disponibilità nei confronti di tutti coloro che – persone o istituzioni – avessero manifestato la volontà di migliorare se stessi attraverso lo studio e la ricerca, è stata l’attività di promozione di studi che ha esercitato anche a livello locale, sia a Bologna e nell’Emilia-Romagna, sia a Bassano. Ha promosso e diretto collane, ha presieduto istituzioni culturali, ha promosso mostre, ha incoraggiato le metodologie di ricerca più innovative, dando sempre a tutti i suoi collaboratori la serenità di essere coperti dalla sua scienza e dal suo rigore.
Nel maggio del 1975 l’ultima lezione, cui non ha voluto dare la risonanza che invece avrebbe meritato. Preferì andarsene in sordina, ad attendere ai mille impegni scientifici che ancor più di prima l’aspettavano. E nel novembre del 1980 il calendario della vita la mise fuori dai ruoli dell’Università, ma solo per pochi mesi, perché nel giugno del 1981 già perveniva alla facoltà di Magistero dell’Università di Bologna, che lo aveva richiesto, il decreto con il quale il Presidente della Repubblica la nominava professore emerito.

E non mancarono i riconoscimenti anche al di fuori del mondo accademico: nel 1980 il premio per la cultura della città di Bassano, nel 1987 il prestigioso premio
Archiginnasio d’oro, che il Comune di Bologna destina a chi ha dato lustro alla città, nel 1989 l’Osterreichischer Arbeitskrais für Stadtgeschichte di Linz.

Negli ultimi anni della sua fervida vita, ha intensificato gli studi su Bassano, ma non fu solo un ritorno alle radici. Una maggior disponibilità di tempo le ha sì consentito di avviare e concludere delle iniziative poderose sulla storia della città, quali la Storia e l’Atlante, ma è anche vero che la sua partecipazione alla vita culturale locale aveva consentito di raccogliere attorno alle sue iniziative un gruppo di studiosi qualificato e allo stesso tempo disposto a recepire i suoi insegnamenti, anche se da anni era ormai lontana dalla cattedra. L’intensificarsi degli interventi culturali a Bassano negli ultimi decenni è dovuto proprio a questa sua presenza di esempio, di stimolo, di formazione che ha influito profondamente sulla vita culturale locale, mantenendola tesa verso traguardi di sempre più alto profilo.



Bibliografia

1. Catalogo descrittivo degli statuti Bolognesi conservati nell'Archivio di Stato di Bologna, Biblioteca dell’Archiginnasio, s. II, n. XLI, Bologna 1931, pp.71.
2. La legislazione antimagnatizia a Bologna fino al 1292, in «Rivista di Storia del Diritto Italiano», VI (1933), pp. 42.
3. Due inventari degli Archivi del comune di Bologna nel secolo XIII, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna», s. IV, XXIII (1933), pp. 107.
4. Le compagnie delle armi a Bologna, Biblioteca dell'Archiginnasio, s. II, 45, Bologna 1933.
5. Un comune veneto del Duecento: Bassano, in «Archivio Veneto», s. IV, 15 (1934), pp. 44.
6. Comune et popolus Bononie, in «Il Comune di Bologna», n. 12 (1934), pp. 3-6.
7. Sui vescovi bolognesi fino al secolo XII, in «Atti e memorie della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna», s. IV, XXV (1935), pp. 21.
8. Le compagnie delle arti a Bologna fino al principio del secolo XV, Biblioteca dell'Archiginnasio, s. II, 49, Bologna 1936, pp. 27.
9. I Bentivoglio, Novissima Enciclopedia Monografica Illustrata, Firenze 1936, pp. 64.
10. Guelfi e ghibellini di Romagna nel 1280-81, in «Archivio Storico Italiano», s. VIII (1936), pp. 157-180.
11. Gli statuti di Bologna nell’edizione di L. Frati, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna», s. I, I (1936), pp. 26.
12. La pace del 1279 tra i partiti bolognesi, in «Archivio Storico Italiano», s. VII, XX (1936), pp. 25.
13. La Serenissima, Novissima Enciclopedia Monografica Illustrata, Firenze 1937, pp. 64.
14. recensione a C. M. ADY, The Bentivoglio of Bologna, A study in Despotism, London 1937, in «L’Archiginnasio», n. XXXII (1937), pp. 144-147.
15. recensione a P. S. Leicht, Corporazioni romane e arti medioevali, Torino 1937, in «L’Archiginnasio», n. XXXII (1937), pp. 297-298.
16. Popolo e stato corporativo a Bologna nel Duecento, in «Nuova Antologia», XV (1937), pp. 206-217.
17. con PIETRO SELLA, Gli statuti di Bologna del 1288, Studi e testi, nn. 73 e 85, Città del Vaticano 1937-39, voll. 2, pp.XXXV - 598 + 303.
18. Bologna e la Romagna durante la spedizione di Enrico VII, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per l’Emilia e la Romagna», s. I, IV (1938-1939), pp.15-54.
19. Ricerche sulla legislazione antimagnatizia nei comuni dell'alta e media Italia, in «Rivista di Storia del Diritto Italiano», XII (1939), pp. 122.
20. con GIORGIO CENCETTI, Gli studi storici sulle signorie romagnole, in «Atti e memorie della Deputazione di Storia Patria per l’Emilia e la Romagna», s. I, IV (1939), pp. 3-27.
2 21. Roma dal Medioevo al Rinascimento, Novissima Enciclopedia Monografica Illustrata, Firenze 1940, pp. 64.
22. Gli statuti del comune di Bassano del 1259 e del 1295, Monumenti storici della Deputazione Veneta di Storia Patria, n.s., 1940, pp. XXXVII + 448.
23. Ricerche sui borghi franchi dell'alta Italia, in «Rivista di Storia del Diritto Italiano», XV (1942), pp. 139-214.
24. I conti ed il comitato di Imola, in «Atti e memorie della Deputazione di Storia Patria per l’Emilia e la Romagna», s. I, VIII (1942-43), pp. 79.
25. L'abbazia di Nonantola fra l'VIII e l'XI secolo nelle ricerche storiche, in Studi e Documenti, Deputazione di Storia Patria per l’Emilia-Romagna, sezione di Modena, Modena 1943, n.s., II, pp. 1-53.
26. Appunti per la storia di Monteveglio tra il VI e il XII secolo, in «L’Archiginnasio», XXXVIII (1943), Bologna 1944.
27. Le incursioni ungare in Europa nel secolo X, Firenze 1945, pp. 246.
28. Conti, vescovi, vescovi-conti. Per la storia di Vicenza dal IX al XII secolo, in «Archivio Veneto», s. V, 34-35 (1945), pp. 36.
29. recensione a J. CALMETTE, Carlomagno, pref. di G. Falco, Torino 1949, in «Siculorum Gymnasium», n. s., I (1948), pp. 334-342.
30. Tappe e aspetti dell'avanzata longobarda su Bologna, in «L’Archiginnasio», XLIVXLV (1948-49), pp. 20.
31. I re d'Italia (888-962), Firenze 1949, pp. IX-252.
32. Sulle ripercussioni italiane della crisi dinastica francese del 1589-95 e sull'opera mediatrice della repubblica di Venezia e del Granduca di Toscana, in «Memorie dell’Accademia delle Scienze di Bologna», s. IV, IX (1949), pp. 1-64.
33. Cronache medievali di Sicilia. Note d'orientamento, in «Siculorum Gymnasium», n. s., a. 2 (1949), pp. 186-241.
34. Problemi di storia medievale siciliana, in «Siculorum Gymnasium», n. s., I (1951), pp. 20, ora in Scritti di storia medievale, pp. 321-340.
35. Osservazioni sulle ricerche di storia locale siciliana del medio evo, in «Siculorum Gymnasium», nuova serie, a. 4 (1951), pp. 230-233.
36. Santa Caterina e la politica, in «Eco di S. Domenico, provincia domenicana siculocalabra », XXIII, n. 5 (1951), pp. 128-131.
37. La feudalità siciliana nell'età di Federico II, in «Rivista di Storia del Diritto Italiano», XXIV (1951), pp. 21.
38. Il Muratori e gli eruditi siciliani del suo tempo, in Miscellanea di Studi Muratoriani, Modena 1951, pp. 6.
39. Lineamenti di politica e di legislazione feudale veneziana in terra ferma, in «Rivista di Storia del Diritto Italiano», XXV (1952), pp. 58-94.
40. L'unione della Sicilia all'Aragona, in «Rivista Storica Italiana», LXV (1952), pp. 28, ora in Scritti di storia medievale, pp. 413-442.
41. Sulla diffusione del culto di S. Agata nell'Italia del Nord, in «Archivio Storico per la Sicilia orientale», s. IV, V (1952), pp. 6.
42. Fonti catanesi per la storia del decennio in Sicilia, in «Rassegna Storica del Risorgimento», a. 39 (1952), pp. 540-541.
43. Tracce di insediamenti longobardi nella zona pedemontana tra il Piave e l'Astico, Atti del I Congresso Internazionale di Studi Longobardi, Spoleto 1952, pp. 13.
44. Inizio di un'indagine su gli stanziamenti longobardi intorno a Pavia, in «Bollettino della Società Pavese di Storia Patria», a. 53, nuova serie, 5, fasc. I, 1953, pp. 3-12. 3 45. Tracce dell'occupazione longobarda nell'Esarcato, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna», n.s., III (1953), pp. 23.
46. Una "donatio mortis causa" del duca Anselmo, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Provincie Modenesi», s. IX, V (1953), pp. 6.
47. Luigi Simeoni (1875-1952), in «Bullettino dell’Istituto Storico Italiano e Archivio Muratoriano», n.65 (1953), pp. 163-172.
44. La Santa di Bologna, in «Presenza Cristiana. Quindicinale di vita e di cultura», Catania, anno II, n.8, (1954), p. 2.
49. Tre secoli di vita cittadina catanese (1092-1392), in «Archivio Storico per la Sicilia orientale», s. IV, VII (1954), pp. 29, ora in Scritti di storia medievale, pp.371-401.
50. recensione a G. GULLOTTA, Gli antichi cataloghi e i codici dell'Abbazia di Nonantola, in Archiginnasio, a. 49-50, 1954-55, pp. 291-294.
51. Incognite della storia cittadina di Siracusa tra l'età dei Normanni e quella degli Aragonesi, in «Siculorum Gymnasium», I (1955), pp. 6, ora in Scritti di storia medievale, pp. 403-411.
52. Rex ille magnificus (Guglielmo II di Sicilia), in «Siculorum Gymnasium», n.s. VIII (1955), pp. 14, ora in Scritti di storia medievale, pp. 359-370.
53. recensione e I. PERI, Città e campagna in Sicilia. Dominazione normanna, in «Archivio storico per la Sicilia orientale», a. 51-52, serie 4, 1955-56, pp. 219-223.
54. Le città siciliane dall'istituzione del tema bizantino alla conquista normanna, in «Archivio Storico Siracusano», II (1956), pp. 61-81, ora in Scritti di storia medievale, pp. 341-357.
55. La «Divina Commedia» come fonte storica, in «Convivium », n.s., XXIV (1956), pp. 661-676.
56. «L’economia del cittadino in villa» di Vincenzo Tanara, in «Muratoriana. Bollettino del Centro di Studi Muratoriani », n. 5 (1956), pp. 4, ora in Scritti di storia medievale, pp. 871-875.
57. Lineamenti di una storia della cavalleria, in Studi di storia medievale e moderna in onore di E. Rota, Bari 1956, pp. 13.
58. recensione a S. CORRENTI, Storia di Sicilia. Come storia del popolo siciliano dalla preistoria all'autonomia, Catania, 1956, in «Siculorum Gymnasium», nuova serie, a. 9 (1956), pp. 132-137.
59. Introduzione allo studio della storia medievale, lezioni universitarie, anno accademico 1957-58, Bologna 1957, pp. 78.
60. Momenti di storia e storiografia feudale italiana, Pubblicazioni della Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna, Bologna 1957, pp. 27.
61. Aspetti e momenti della storia delle crociate, dalle lezioni tenute nella Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1956-57, Bologna 1957, pp. 150.
62. Sulle cronache medievali siciliane, in Le Fonti del Medio Evo Europeo, Atti del convegno di studi delle fonti del Medioevo europeo in occasione del 70° della fondazione dell’Istituto Storico Italiano (Roma, 14-18 aprile 1953), Roma 1957, p. 5.
63. recensione a M. BERENGO, La società veneta alla fine del '700, in «Bollettino storico bibliografico subalpino», a. 55, 1957, pp. 194-198.
64. Introduzione allo studio della storia moderna, lezioni universitarie anno accademico 1957-58, Bologna 1958, pp. 126.
65. La storia di Venezia, dalle lezioni tenute alla Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1957-58, Bologna 1958, pp. 226.
4 66. Nascita di un mito (Il mito di Venezia nella storiografia), in Studi storici in onore di G. Volpe, I, Firenze 1958, pp. 445-479, ora in Scritti di storia medievale, pp. 445-472.
67. Per la storia delle istituzioni delle vallate montane. La comunità cadorina, in Relazioni e comunicazioni al XXXI Congresso Storico Subalpino, Aosta 1958, pp. 209- 219, ora in Scritti di storia medievale, pp. 761-772.
68. Aspetti della vita economica e sociale nell'Italia del secolo VII, in Caratteri del secolo VII in Occidente, Settimane di studio del Centro Italiano di Studi sull'alto Medioevo, V, 1, Spoleto 1958, pp. 103-160, ora in Scritti di storia medievale, pp. 3-48.
69. recensione a Storici arabi delle Crociate, a cura di F. Gabrieli, in «Convivium», a. 26, n. s., 1958, pp. 615-618.
70. recensione a Bologna e la cultura dopo l’Unità d’Italia, Bologna 1961, in «L’Archiginnasio», n. LIII-LIV (1959), pp. 197-214.
71. Incognite della storia dell'abbazia di Pomposa fra il IX e l'XI secolo, in «Benedictina», anno XII, nn. III-IV (1959), pp. 197-214.
72. Le città siciliane dall'istituzione del tema bizantino alla conquista normanna, Atti del III Congresso Internazionale di Studi sull'alto Medio Evo del centro italiano di studi sull'alto medioevo, Spoleto 1959, pp. 379-396.
73. Points de vue sur les incursions hongroises en Europe, in «Cahiers de civilisation médiévale», II (1959), pp. 17-26.
74. Introduzione allo studio del feudalesimo italiano, dalle lezioni tenute nella Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1958-59, Bologna 1959, pp. 143.
75. Introduzione allo studio della storia medievale e moderna, dalle lezioni tenute nella Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1958-59, Bologna 1959, pp. VII-175.
76. Momenti di storia nella Divina Commedia, in «Convivium», n.s., VI (1959), pp. 641-657, ora in Scritti di storia medievale, pp. 775-797.
77. Introduzione allo studio della storia medievale, dalle lezioni tenute nella Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1958-59, Bologna 1959, pp. 63.
78. recensione a G. COZZI, Il doge Nicolò Contarini, in «Bollettino storico bibliografico subalpino», a. 57, 1959, pp. 205-213.
79. recensione a G. TABACCO, Andrea Tron: 1712-1785 e la crisi dell'aristocrazia senatoria a Venezia, in «Bollettino storico bibliogrfico subalpino», a. 57, 1959, pp. 205- 213.
80. recensione a S. RUNCIMAN, The Sicilian Vespers. A history of the Mediterranean world in the later thirteenth century, Cambridge 1958, in «Bollettino storico bibliografico subalpino», a. 57, 1959, pp. 445-449.
81. Il mondo feudale europeo, in Storia universale, diretta da E. Pontieri, vol. IV, 1, Milano 1959, pp. 85-241.
82. Che cosa sappiamo della città italiane nell'Alto Medio Evo, in «Vierteljahrsschrift für Social- und Wirtschaftsgeschichte», 42 (1960), pp. 289-305, ora in Scritti di storia medievale, pp. 181-198.
83. Feudi, feudatari e feudisti bolognesi del XVIII secolo, in «Bollettino del Museo del Risorgimento», V, 2 (1960), pp. 487-496.
84. recensione a R. BOUTRUCHE, Seigneurie et féodalité. I: Le premier age des liens d'homme à homme, Paris 1959, in «Rivista storica italiana», a. 72, 1960, pp. 350-355.
85. Problemi medievali nella storiografia risorgimentale, in Annuario dell'Università di Bologna 1960-61, ora in Scritti di storia medievale, pp. 645-661.
5 86. Momenti di storia urbanistica bolognese nell'alto Medioevo, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna», n.s., XII (1960-63), pp. 189-220.
87. La composizione di un falso diploma teodosiano, in «Studi e Memorie per la storia dell’Università di Bologna» 1961, n.s., II, pp. 77-94, ora in Scritti di storia medievale, pp. 583-602.
88. La «Crohique des Veniciens» di Martino da Canale, in «Studi Medievali», s. III, 2 (1961), pp. 42-74.
89. Problemi medievali nella storiografia risorgimentale, in «Convivium», n.s., II (1961), pp. 143-154.
90. Dalla «civitas» al comune, dalle lezioni tenute alla Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1960-61, Bologna 1961, pp. 192. 91. recensione a P. PRODI, Il cardinale Gabriele Paleotti (1522-1597), in «Bollettino storico bibliografico subalpino», a. 59 (1961), pp. 253-255.
92. Federico Barbarossa e le città italiane, in «Convivium», n.s., I (1962), pp. 24. 93. Notizie sul Capitolo di Bologna nel X-XI secolo, in La vita comune del clero nei secoli XI e XII, Milano 1962, pp. 191-198.
94. Sugli "Annali" di Ludovico Savioli, in «Rendiconti delle sessioni dell’Accademia delle Scienze di Bologna, Classe di Scienze Morali», VI, 1 (1962), pp. 12, ora in Scritti di storia medievale, pp. 733-741.
95. Encore des Hongrois?, in «Cahiers de civilisation médiévale», V (1962), pp. 2. 96. L'America Latina nel periodo coloniale, dalle lezioni tenute nella Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1961-62, Bologna 1962, pp. 206.
97. Per il IV centenario della costruzione dell'Archiginnasio, in «L’Archiginnasio», LVII (1962), pp. 1-19, ora in Scritti di storia medievale, pp. 623-642. 98. Governanti e governati nei comuni cittadini italiani, in Études suisses d'histoire générale, 1962-63, pp. 141-166, ora in Scritti di storia medievale, pp. 199-228. 99. Signoria feudale ed autonomie locali, in Studi Ezzeliniani, Atti del Convegno “Gli Ezzelini nella storia e nella poesia” (Bassano del Grappa, 15-16 maggio 1960), Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Studi Storici, nn. 45-47, Roma 1963, pp. 7-33
. 100. Re, imperatori e sudditi nell'Italia del X secolo, in «Studi Medievali», n.s., IV (1963), pp. 52-74, ora in Scritti di storia medievale, pp. 137-159. 101. Le abbazie di Nonantola e Pomposa, in La bonifica benedettina, Roma 1963, pp. 95-106.
102. Città e sovrani, dalle lezioni tenute alla Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1962-63, Bologna 1963, pp. 160.
103. con G. GURRIERI, Chiese e feudi pomposiani d'Italia, in Pomposia monasterium in Italia princeps. IX centenario del campanile (1063-1963), Bologna 1963, pp. 23-25.
104. recensione a V. COLORNI, Il territorio mantovano nel Sacro Romano Impero. I: periodo comitale e periodo comunale (800-1274), in «Bollettino Storico Bibliografico Subalpino», 61 (1963), pp. 151-155.
105. recensione a G. BENVENUTI, Storia della Repubblica di Pisa, in «Bollettino Storico Bibliografico Subalpino», 61 (1963), pp. 155-158.
106. recensione a V. LAZZARINI, Marino Faliero, in «Bollettino dell’Istituto di Storia della Società e delle Stato veneziano», 5-6 (1963-64), pp. 379-383.
6 107. Lanzoni davanti al problema delle leggende storiche, in Nel centenario della nascita di Mons. Francesco Lanzoni, Faenza 1964, pp. 137-148, ora in Scritti di storia medievale, pp. 879-889.
108. La vita quotidiana nel Medio Evo italiano, in Nuove Questioni di Storia medievale, Milano 1964, pp. 463-500, ora in Scritti di storia medievale, pp. 831-869.
109. Le autonomie cittadine nel Medio Evo, in Nuove Questioni di Storia medievale, Milano 1964, pp. 145-176.
110. Aspetti della politica italiana di Federico II, dalle lezioni tenute alla Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1963-64, Bologna 1964, pp. 222.
111. con ALDO BERSELLI, PAOLO PRODI, Guida allo studio della storia medievale, moderna e contemporanea, Bologna 1964, pp. 162.
112. Note sulla feudalità canossiana, in Studi Matildici, Modena 1964.
113. recensione a G. ARNALDI, Studi sui cronisti della Marca Trevigiana nell’età di Ezzelino da Romano, in «Studi Medievali», 5 (1964), pp. 683-688.
114. recensione a S. TRAMONTANA, Michele da Piazza e il potere baronale in Sicilia, in «Studi Medievali», 5 (1964), pp. 705-708.
115. Comune Veneciarum, in Venezia dalla Prima Crociata alla conquista di Costantinopoli del 1204, Firenze 1965, pp. 73-102, ora in Scritti di storia medievale, pp. 473-497.
116. Gouvernants e gouvernés dans les communes italiennes du XIe au XIIIe siècle, in Gouvernés et gouvernants, Récueils de la Société Jean Bodin pour l'histoire comparative, XXV, 1965, pp. 47-86.
117. I Longobardi in Italia, dalle lezioni tenute nella Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1964-65, Bologna 1965, pp. 216.
118. con R. MANSELLI, G. TABACCO, La struttura sociale delle città italiane dal V al XII secolo, in «Vorträge und Forschungen», XI, Untersuchungen zur gesellschaftelichen Struktur der Mittelalterlichen Städte in Europa (Reichenau-Vorträge), Konstanz und Stuttgart 1966, pp. 291-320.
119. Veneti e Veneziani fra Dante e i primi commentatori, Atti del Convegno di Studi “Dante e la cultura veneta”, Venezia-Firenze 1966, pp. 71-85, ora in Scritti di storia medievale, pp. 813-828.
120. Castelli e signorie rurali, in Agricoltura e mondo rurale in Occidente nell'alto medioevo, Settimane di studio del Centro Italiano di Studi sull'alto medioevo, Spoleto 1966, XIII, pp. 531-570, ora in Scritti di storia medievale, pp. 49-77.
121. Monasteri padani, in Monasteri in alta Italia dopo le invasioni saracene e magiare (secoli X-XII), Torino 1966, pp. 175-198.
122. Carlo Magno nelle tradizioni storico-leggendarie italiane, in Karl der Grosse. Lebenswerk und Nachleben, Düsseldorf 1967, IV, pp. 348-363, ora in Scritti di storia medievale, pp. 891-916.
123. Bologna, Dante e i commentatori antichi, in Dante e Bologna ai tempi di Dante, Commissione per i testi di lingua, Bologna 1967, pp. 251-263, ora in Scritti di storia medievale, pp. 799-811.
124. Valori della Lega Lombarda alla vigilia del VII centenario, in «Cultura e Scuo la», n. 19 (1967), pp. 129-136.
125. con ALDO BERSELLI, PAOLO PRODI, Guida alla storia medievale, moderna e contemporanea, II ediz., Bologna 1967, pp. 190.
7 126. Due secoli di storia italiana, (1250-1455), appunti delle lezioni tenute presso la Facoltà di Magistero dell'università di Bologna, raccolte da A. Battistini nell'anno accademico 1966-67, cicl. Bologna 1967, pp. 105.
127. Archeologia medievale e storia locale in Italia, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le antiche Province Modenesi», (1967-68), pp. 127- 146, ora in Scritti di storia medievale, pp. 743-759.
128. Federico Barbarossa e le città lombarde, in Probleme des 12. Jahrunderts, «Vorträge und Forschungen», XII, Reichenau-Vorträge 1965-1967, Konstanz und Stuttgart 1968, pp. 121-142, ora in Scritti di storia medievale, pp. 229-255.
129. La Lega Lombarda. Antecedenti, formazione, strutture, in Probleme des 12. Jahrunderts, Vorträge und Forschungen, XII, Reichenau-Vorträge 1965-1967, Konstanz und Stuttgart 1968, pp. 143-160, ora in Scritti di storia medievale, pp. 257-285.
130. Re Enzo tra storia e leggenda, in Studi in onore di C. Naselli, II, Catania 1968, pp. 121-136, ora in Scritti di storia medioevale, pp. 917-932.
131. Giuristi, giudici e notai nell'ordinamento comunale e nella vita cittadina di Bologna ai tempi di Accursio, Atti del Convegno internazionale di studi accursiani, I, Milano 1968, pp. 27-39, ora in Scritti di storia medievale, pp. 609-622.
132. Pace e guerra nell'alto Medio Evo, in Ordinamenti militari in Occidente nell'alto Medio Evo, Settimane di studio del Centro Italiano di Studi sull'alto medioevo, XV, 1, Spoleto 1968, pp. 15-47, ora in Scritti di storia medievale, pp. 79-104.
133. Carlo Magno e l'Italia, dalle lezioni tenute alla Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1967-68, Bologna 1968, pp. 186.
134. recensione a C. BRÜHL, Fodrum, gistum, servitium regis. Studien zu den wirtschaftlichen Grundlagen des Königtums im Frankenreich und in dem fränkischen Nachfolgestaaten Deutschland, Frankreich und Italien von 6. bis zur Mitte des 14. Jahrhunderts, in «Nuova Rivista Storica», 53 (1969), pp. 503-505.
135. recensione a S. DE VAJEY, Der Eintritt des ungarischen Stämmebundes in die europäische Geschichte(862-933), in «Nuova Rivista Storica», 53 (1969), pp. 753-755.
136. La storia delle storie di Bologna, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna», XVII-XVIII (1969), pp. 69-91, ora in Scritti di storia medievale, pp. 633-681.
137. Il doge di Venezia, in La Monacratie, XXI, Récueils de la Société Jean Bodin pour l'histoire comparative, 1969, pp. 371-388.
138. I fondamenti della storiografia veneziana, in Aspetti e problemi della storiografia veneziana fino al secolo XVI, Firenze 1970, pp. 11-44, ora in Scritti di storia medievale, pp. 499-527.
139. Archeologia medievale, in La storiografia italiana negli ultimi venti anni, Milano 1970, pp. 796-805.
140. Considerazioni sul problema degli stanziamenti longobardi in Italia, Atti del Convegno di Studi Longobardi, Udine 1970, pp. 49-57.
141. Momenti dello sviluppo urbanistico nel Medio Evo, in Bologna centro storico, a cura di P.L. Cervellati, A. Emiliani, R. Renzi, R. Scannavini, Bologna 1970, pp. 34-36.
142. Il Medioevo oltre la cerchia di Selenite, in Bologna centro storico, a cura di P.L. Cervellati, A. Emiliani, R. Renzi, R. Scannavini, Bologna 1970, pp. 34-36.
143. Rileggendo il "Liber pontificalis" di Agnello Ravennate, in La storiografia altomedievale, Settimane di studio del Centro Italiano di Studi sull'alto Medio Evo, XVII, 1, Spoleto 1970, pp. 457-496, ora in Scritti di storia medievale, pp. 105-135.
144. La politica italiana di Federico Barbarossa dopo la pace di Costanza, in Popolo e stato in Italia nell'età di Federico Barbarossa, Torino 1970, ora in Scritti di storia medievale, pp. 279-292.
145. Per la storia dell'Università di Bologna nel Medio Evo, dalle lezioni tenute alla Facoltà di Magistero dell'Università di Bologna nell'anno accademico 1969-70, Bologna 1970, pp. VII-197.
146. con A. BERSELLI, P. PRODI, Guida allo studio della storia, III ediz., Bologna 1970, pp. 214.
147. Presentazione, in Testi storici medievali, a cura di A. I. Pini, Bologna 1970.
148. Le associazioni culturali, in Regione e beni culturali, Atti del Convegno per la tutela dei beni culturali nella pianificazione culturale dell'Emilia-Romagna, s. I, 1970, pp. 103-111.
149. Profilo storico dell'Università di Bologna, Bologna 1970, pp. 12.
150. Rileggendo la "Vita Mathildis" di Donizone, in Studi Matildici, Biblioteca della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Province Modenesi, n.s., 16, Modena 1971, pp. 15-39.
151. con G. BARNI, L'Italia nell'alto Medio Evo, Società e costume (Utet), III, Torino
1971, pp. 780.
152. Giovanni Battista Ricotti medievalista: una lezione di metodo, in «Rivista di storia della Chiesa in Italia», 25 (1971), pp. 652-658.
153. Ancora un'ipotesi sull'inizio dell'insegnamento di Pepone e di Irnerio, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna», n.s., XXI (1971), pp. 19-37, ora in Scritti di storia medievale, pp. 567-581.
154. Un fossile nel vocabolario istituzionale bolognese del Duecento, in Studi storici in onore di Ottorino Bertolini, I, Pisa 1972, pp. 325-335.
155 recensione a V. LAZZARINI, Proprietà e feudi, offizi, garzoni, carcerati in antiche leggi veneziane, in «Nuova Rivista Storica», 56 (1972), pp. 212-214.
156. Vitalità delle “Antiquitates Italicae Medii Aevi”, Atti del Congresso internazionale nel III centenario della nascita di L. A. Muratori, Modena 1972, pp. 21-29, ora in Scritti di storia medievale, pp. 711-732.
157. La coscienza civica nelle "laudes civitatum" , in La coscienza cittadina nei Comuni italiani del Duecento, Convegni del Centro di Studi sulla Spiritualità medievale (1970), XI, Todi 1972, pp. 9-44.
158. La vita quotidiana nelle “Antiquitates Italicae Medii Aevi” di L. Antonio Muratori, dalle lezioni tenute alla Facoltà di Magistero dell'Università di Bo logna nell'anno accademico 1971-72, Bologna 1972, pp. 154.
159 recensione a V. LAZZARINI, Scritti di paleografia e diplomatica, in «Nuova Rivista Storica», 56 (1972), pp. 212-214.
160. Appunti sulla "Historia Bononiensis" ed altre opere di Carlo Sigonio (1522-1584), in «Atti dell’Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bo logna, Classe di Scienze Morali, Rendiconti», LXI (1972-73), pp. 69-94, ora in Scritti di storia medievale, pp. 683-710.
161. con F. BOCCHI, La città medievale italiana, Firenze 1973, pp. 185.
162. Feudo e castello, in I documenti, Storia d'Italia Einaudi, vol. V, 1, Torino 1973, pp. 261-308.
163. Liturgia e cerimoniale ducale, in Venezia e il Levante fino al secolo XV, Firenze 1973, pp. 261-295, ora in Scritti di storia medievale, pp. 529-561.
164. Introduzione, in F. BERGONZONI, F. BOCCHI, I. NIKOLAJEVIC, Arte romanica a Bologna, la Madonna del Monte, Bologna 1973, pp. 7-8.
165. con F. CLEMENTE, A. CORLAITA E ALTRI, Università degli Studi di Bologna. Rassegna storica dell'insediamento, Catalogo ragionato delle realizzazioni edilizie universitarie in rapporto all'assetto urbano, Bologna 1974.
9 166. Significato e durata delle istituzioni feudali, in “Terzo Programma, informazioni culturali alla radio”, 2/3, 1974, pp. 103-112.
167. Città e storia delle città, in Topografia urbana e vita cittadina nell'Alto Medioevo, Settimane di studio del Centro Italiano di Studi sull'alto medioevo, XXI, 1, Spoleto 1974, pp. 15-40, ora in Scritti di storia medievale, pp. 163-179.
168. Scritti di storia medievale, a cura di F. Bocchi, A. Carile, A.I. Pini, Bologna 1974, pp. XX - 974.
169. Medio Evo e storiografia del Cinquecento. Un mazzetto di schede e l'invito ad una ricerca storiografico-culturale, in Storiografia e storia. Studi in onore di Eugenio Dupré Theseider, Roma 1974, pp. 311-319.
170. Il Medioevo, in L'Emilia Romagna, a cura di F. Cantelli , G. Guglielmi, Milano 1974, pp. 69-80.
171. Genesi e sviluppo dell'università in Emilia-Romagna, in Storia dell'Emilia Romagna, a cura di F. Cantelli e G. Guglielmi, Teti, Milano 1974, pp. 251-258.
172. Presentazione, in 30° anniversario della battaglia dell'Università, Bologna 1974, pp. 7-22.
173. con A. CARILE, Documenti di storia feudale, Bologna 1974, pp. 141. 174. Profilo storico dall'VIII al XV secolo, in Storia dell'Emilia-Romagna, vol. I, Bologna 1975, pp. 365-404, 1984 edizione emendata.
175. Appunti sulle torri, cappelle gentilizie e grandi casati bolognesi fra il XII e il XIII secolo, in «Il Carrobbio», (1975), pp. 135-147.
176. Friedrich Barbarossa und die lombardischen Städte, in Friedrich Barbarossa, Darmstadt 1975, pp. 149-183.
177. A. HESSEL, Storia della città di Bologna dal 1116 al 1280, edizione italiana a cura di Gina Fasoli, Bologna 1975.
178. Storiografia e realtà giuridico-sociali dei territori rurali, in «Atti e Memorie della Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti di Modena», s. IV, XVII, Modena (1975), pp.14-17.
179. Storia urbanistica e discipline medievistiche, in La storiografia urbanistica, Atti del I Convegno Internazionale di Storia Urbanistica: “Gli studi di storia urbanistica: confronto di metodologia e risultati” (Lucca 1975), CISCU (Centro Internazionale per lo Studio delle Cerchia Urbane), Lucca 1976, pp. 155-173.
180. Edizione e studio degli statuti: problemi ed esigenze, Atti del congresso internazionale tenuto in occasione del 90° anniversario della fondazione dell'Istituto Storico Italiano (1883-1973), Roma 1976, pp. 173-190.
181. Grundzüge einer Geschichte des Rittertums, in Das Rittertum im Mittelalter, Darmstadt 1976, pp. 198-211.
182. Il notaio nella vita cittadina bolognese (secc. XII-XV), in Notariato medievale bolognese, II, Studi storici sul notariato italiano, III, Roma 1977, pp. 121-142.
183. Eugenio Dupré Theseider. In memoriam, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna», n.s., XXVI (1977), pp. 1-20.
184. Metodologia delle ricerche sui territori rurali, in Distretti rurali e città minori, Atti del II Convegno (Lucera, Troia, Monte Sant'Angelo, 1974), Bari 1977, pp. 10-19.
185. Federico II e la Lega lombarda. Linee di ricerca, in «Annali dell’Istituto Storico italo-germanico di Trento», II (1977), pp. 39-74.
186. L'Università più celebre, la patria dei «doctores legis» ha nove secoli di vita, in «I Mesi», n. 2 (1977), pp. 27-32.
10 187. Navigazione fluviale. Porti e navi sul Po, in La navigazione mediterranea nell'alto medioevo, Settimane di studio del Centro italiano di studi sull'alto medioevo, XXV, Spoleto 1978, pp. 565-620.
188. con G. A. MANSUELLI, A. BERSELLI, Città, territorio e circoscrizioni minori dal più remoto passato all'esistenziale presente, in Misure umane. Un dibattito internazionale sul borgo città quartiere comprensorio, Milano 1978, pp. 13-29.
189. La realtà cittadina nei territori canossiani, in Studi Matildici, Deputazione di Storia Patria per le antiche provincie modenesi, Modena 1978, n.s., 44, pp. 55-78.
190. Bologna nell'età medievale (1115-1506), in Storia di Bologna, Bologna 1978, pp. 127-196.
191. recensione a Storia della cultura veneta, I: Dalle origini al Trecento; II: Il Trecento, Vicenza 1976, in «Rivista di Storia della Chiesa in Italia», n. 2 (1978), pp. 577-582.
192. Il mercato nella vita contadina, in Espressioni sociali e luoghi d'incontro, Cultura popolare in Emilia Romagna, Milano 1978, pp. 75-99.
193, voce Longobardi, in Enciclopedia Garzanti, VI, Milano 1978, pp. 1016-1018.
194. Ricerche medievistiche a Bologna dal 1860 ad oggi, in «Il Carrobbio», anno V (1979), pp. 165-174.
195. L'Albornoz nell'opera storica di E. Dupré Theseider, in El Cardenal Albornoz y el Colegio de España (IV), «Studia Albornotiana», XXXV 1979, pp. 413-420.
196. Sul patrimonio della chiesa di Ravenna in Sicilia, in «Felix Ravenna», s. IV, 1 (CXVII), 1979, pp. 69-75.
197. Città e territorio nell'Emilia-Romagna del Medio Evo, in «Risparmio e territorio» (1979), pp. 56-59.
198. Il dominio territoriale degli arcivescovi di Ravenna fra l'VIII e l'XI secolo, in I poteri temporali dei vescovi in Italia e in Germania nel medioevo, “Annali dell'Istituto Storico Italo-Germanico di Trento”, Bologna 1979, pp. 87-140.
199. Commune Veneciarum, in Dalle origini al secolo di Marco Polo, Storia della civiltà veneziana, diretta da V. Branca, I, Firenze 1979, pp. 263-278.
200. Le città siciliane tra Vandali, Goti e Bizantini, in «Felix Ravenna», serie IV, 1/2 (1980), pp. 95-110.
201. Castelli e strade nel “Regnum Siciliane”. L'itinerario di Federico II, in Federico II e l'arte del Duecento italiano, I, Galatina 1980, pp. 27-52.
202. Plichi e candidati, In margine ad un concorso universitario, in «Quaderni medievali», X (1980), pp. 213-220.
203. Wirtschafts- und Sozialgeschichte Italiens von 535 bis zum Anfang des 10. Jahrhunderts, in Europäische Wirtschafts- und Sozialgeschichte im Mittelalter, Handbuch der Europäischen Wirtschafts- und Sozialgeschichte, II, Stuttgart 1980, pp. 397-428.
204. Storia di Bassano, a cura di G. Fasoli, Comitato per la Storia di Bassano (Museo, Biblioteca, Archivio di Bassano), Bassano del Grappa 1980, pp. XII-643; Prefazione, pp. XI-XII; Dalla preistoria al dominio veneto, pp. 3-51; La vita religiosa dalle origini al XX secolo, pp. 415-463.
205. Las invasiones de los siglos IX y X, in Historia Universal, directa da J. Salvat, I, Barcelona 1980, pp. 302-307.
206. Città e feudalità, in La ville et la féodalité, Structures féodales et féodalism dans L'Occident méditerranéen (X-XII siècles), Atti del convegno dell'École Française de Rome (1978), n. 44, Roma 1980, pp. 365-385.
11 207. Presentazione, in C. FEDELE, F. MAINOLDI, Bologna e le sue poste, Bologna 1980, pp. 7-9.
208. Città e ceti urbani nell'età dei due Guglielmi, in Potere, società e popolo nell'età dei due Guglielmi, Università degli studi di Bari, Centro di studi normanno-svevi (Bari- Gioia del Colle, 1979), Bari 1981, pp. 147-172.
209. Le città in Italia e in Germania nel Medioevo: cultura, istituzioni, vita religiosa, a cura di G. Fasoli - R. Elze, “Annali dell'Istituto Storico Italo-Germanico di Trento”, quaderno 8, Bologna 1981. 210. Introduzione, in Le città in Italia e in Germania nel Medioevo: cultura, istituzioni, vita religiosa, a cura di G. Fasoli - R. Elze, “Annali dell'Istituto Storico Italo-Germanico di Trento”, quaderno 8, Bologna 1981, pp. 7-11.
211. Presentazione, in F. SIGNORI, Valstagna e la destra del Brenta, Valstagna 1981, pp. VII-X. 212. Aspirazioni cittadine e volontà imperiale, in Federico Barbarossa nel dibattito storiografico in Italia e Germania, a cura di R. Manselli e J. Riedman, “Annali dell'Istituto Storico Italo-Germanico di Trento”, quaderno 10, Bologna 1982, pp. 131- 156.
213. Castelli e vie di comunicazione, in Natura e cultura nella valle del Conca, Biblioteca comunale di Cattolica, 1982, pp. 215-227.
214. con A.M. ORSELLI, Discorso di chiusura, in Vita religiosa morale e sociale ed i concili di Split (Spalato) dei secc. X-XI, «Medioevo e Umanesimo», 49, Padova 1982, pp. 565-568.
215. Cultura materiale e architetture medievali, in Romanico Padano, a cura di A. C. Quintavalle, Parma 1982, pp. 5-8.
216. Prefazione, in R. GRANDI, I monumenti dei dottori e la scultura a Bologna (1267- 1348), Istituto per la Storia di Bologna, Bologna 1982.
217. Rapporti tra le città e gli “Studia”, in Università e società nei secoli XII-XVI, Atti del IX convegno internazionale del Centro italiano di Studi di Storia e d'Arte di Pistoia (1979), Pistoia 1982, pp. 1-21, (discussione, pp. 23-25).
218. Per la storia di Imola e del territorio imolese dall'alto medioevo all'età comunale (secc. VII-XI), in Medioevo imolese, Bologna 1982, pp. 9-27.
219. Introduzione, in G. ROVERSI, Iscrizioni medievali bolognesi, Istituto per la Storia di Bologna, collana Testi, diretta da G. Fasoli, Bologna 1982, pp. 5-6.
220. Sul patrimonio di Ezzelino III da Romano, in Studi in Memoria di Luigi dal Pane, Bologna 1982, pp. 137-156.
221. Codici legislativi, libri giuridici, registri amministrativi, in I libri manoscritti e a stampa da Pomposa all'Umanesimo, catalogo della mostra, Venezia 1982, pp. 96-97.
222. Reliquie e reliquiari nella Chiesa di Santo Stefano a Bologna, in «Atti dell’Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna. Memorie», LXXXI (1982), pp. 5-31.
223. Intervento alla Tavola rotonda, in Nobiltà e ceti dirigenti in Toscana nei secoli XIXIII: strutture e concetti, Atti del IV convegno del Comitato di studi sulla storia dei ceti dirigenti in Toscana (Firenze 12 dicembre 1981), Firenze 1982, pp. 89-93 e 106-107.
224. Indici, in Storia di Bassano, Bassano del Grappa 1982, pp. 48.
225. Prestazioni in natura nell'ordinamento economico feudale: feudi ministeriali dell'Italia nord-orientale, in Economia naturale, economia monetaria, Annali 6, Storia d'Italia Einaudi, Torino 1983, pp. 65-89.
12 226. La Pentapoli fra il papato e l'impero nell'alto medioevo, in Istituzioni e società nell'alto medioevo marchigiano, in «Deputazione di storia patria per le Marche», 86 (1981), Ancona 1983, pp. 55-88.
227. Discorso di chiusura, in Potere, società e popolo tra età normanna ed età sveva, Centro di studi normanno-svevi (Bari-Conversano, 1981), Bari 1983, pp. 251-259.
228. Insediamenti, castelli, signorie locali, borghi, comuni (VIII-XIV secolo), in La Valcavasia. Ricerca storico-ambientale, Dosson (Treviso) 1983, pp. 297-317.
229. Presentazione, in Gli animali di Jacopo Bassano, Comitato per la storia di Bassano, Quaderni bassanesi 1, Comitato per la Storia di Bassano, Qua derni, 1, Vicenza 1983, p. 3.
230. con P. PRODI, Guida allo studio della storia medievale e moderna, Bologna 1983, IV ed. riveduta e ampliata, pp. 190.
231. Sterminio di una classe dirigente? Ezzelino e l'aristocrazia padovana (1237-1256), in I ceti dirigenti del Veneto durante il Medioevo, Venezia 1983, pp. 14-43.
232. I mille anni di Santo Stefano, in "Bologna", 2, 1983, pp. 40-42.
233. voce Bologna, in Lexikon des Mittelalters, II, München-Zürich, 1983, coll. 370- 374.
234. voce Borgo, Borgo franco , in Lexikon des Mittelalters, II, München-Zürich, 1983, coll. 454-455.
235. Aristocrazia cittadina e ceti popolari nel tardo Medioevo in Italia e in Germania, a cura di G. Fasoli - R. Elze, “Annali dell'Istituto Storico Italo-Germanico di Trento”, quaderno 13, Bologna 1984, pp. 289.
236. Oligarchia e ceti popolari nelle città padane fra il XIII e il XIV secolo, in Aristocrazia cittadina e ceti popolari nel tardo medioevo, “Annali dell'Istituto Storico Italo-Germanico di Trento”, quaderno 13, Bologna 1984, pp. 11-39.
237. Gli archeologi nella Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna, in Dalla Stanza delle Antichità al Museo Civico. Storia della formazione del Museo Archeologico di Bologna, Catalogo della mostra, Bologna 1984, pp. 33-35.
238. Note sulla pace di Costanza nella tradizione cronachistica e documentaria, in Studi sulla pace di Costanza, Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi, sezione di Piacenza, Milano 1984, pp. 105-116.
239. Un nuovo libro su Bologna, in «Storia della città», 31-32 (1984), pp. 145-154.
240. La «piazza», un valore che non tramonta, in La Piazza Maggiore di Bologna. Storia, arte, costume, a cura di G. Roversi, Bologna 1984, pp. 11-15.
241. Pomposa, in Storia Illustrata di Ferrara, a cura di F. Bocchi 1984, I, pp. 177-192.
242. Presentazione, in Le carte di S. Stefano di Bologna e di S. Bartolomeo di Musiano, I, 1001-1125, a cura di R. Rinaldi e C. Villani, “Italia Benedettina”, VII, Cesena 1984. 243. Introduzione alla Tavola rotonda, in Statuti rurali e statuti di valle. La provincia di Bergamo nei secoli XIII-XVIII, Bergamo 1984, pp. 43-44.
244. Presentazione, in F. SIGNORI, Campese e il monastero di S. Croce, Bassano del Grappa 1984, pp. VII-VIII.
245. Noi e loro, in L'uomo di fronte al mondo animale nell'alto medioevo, Settimane di studio del Centro italiano di studi sull'alto medioevo, XXXI, Spoleto 1985, pp. 13-47.
246. Organizzazione delle città ed economia urbana, in Potere, società e popolo nell'età sveva, Università degli studi di Bari, Centro di studi normanno-svevi (Bari-Castel del Monte-Melfi, 1983), Bari 1985, pp. 167-189.
13 247. A proposito di diritto locale italiano nel Medio Evo, in Una oferta cientifica iushistorica internacional al doctor J.M. Font i Rius por sus ocho lustrus de docencia universitaria, a cura di M.J. Pelaez e altri, Barcellona 1985, pp. 161-166.
248. Federico II e le città dell'Italia padana, in «Cultura e Scuola», n.93, (1985), pp. 91-100.
249. Ezzelino da Romano fra tradizione cronachistica e revisione storiografica, in Storia e cultura a Padova nell'età di sant'Antonio, Padova 1985, pp. 85-101.
250. Introduzione, in L'Italia nel quadro dell'espansione europea del monachesimo cluniacense, Atti del convegno internazionale di Storia Medievale, Centro Storico Benedettino Italiano (Pescia 1981), Cesena 1985, pp. 19-22.
251. Il professor Carducci, in Carducci a Bologna, a cura di G. Fasoli e M. Saccenti, Bologna 1985, pp. 9-22.
252. Prefazione, in Stefaniana. Contributi per la storia del complesso di S. Stefano in Bologna, Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna, Documenti e Studi, vol. XVII, a cura di G. Fasoli, Bologna 1985.
253. Storiografia stefaniana tra XII e XVIII secolo, in Stefaniana. Contributi per la storia del complesso di S. Stefano in Bologna, Documenti e Studi della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna, XVII, Bologna 1985, pp. 27-49.
254. Il sistema urbano e il rapporto città-campagna, in Per una storia dell'Emilia- Romagna, Urbino 1985, pp. 214-219.
255. Un cronista e un tiranno: Rolandino da Padova e Ezzelino da Romano, in «Rendiconti dell’Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna», LXXII (1983-84), 1985, pp. 25-48.
256. Un "corpus" monumentale, in «Il Carrobbio», XI, 1985, pp. VII-X. 257. Presentazione, in F. SIGNORI, Storia di Pove e dei Povesi, Pove del Grappa 1985, pp. VII-IX.
258. Presentazione, in G. GURRIERI, Il coro intarsiato di S. Giovanni in Monte in Bologna, Bologna 1985.
259. Movimenti per la pace in alcune città italiane nel secolo XIII, in Fundamentos culturales de la paz en Europa, a cura di M. J. Pelaez e altri 1986, pp. 407-419.
260. Città e campagne nell'Italia meridionale (secc. XII-XIV), in «Storia della Città», 36 (1986), pp. 105-106.
261. Il quadro storico, in Il crocifisso ligneo di S. Maria in Colle, Comitato per la Storia di Bassano, Quaderni Bassanesi, 2, Vicenza 1986, pp. 11-16.
262. Presentazione, in B. BREVEGLIERI, Scritture lapidarie romaniche e gotiche a Bologna. Osservazioni paleografiche in margine alle "Iscrizioni Medievali Bolognesi" , Istituto per la Storia di Bolo gna, Bologna 1986, p. 5.
263. Presentazione, in G. ROVERSI, Palazzi e case nobili del '500 a Bologna. La storia, le famiglie, le opere d'Arte, Bologna 1986, p. 7.
264. Federico II e le città padane, in Politica e cultura nell'Italia di Federico II, a cura di S. Gensini, Pisa 1986, pp. 53-70.
265. Problemi generali, in Ricerca storica e territorio. Un ruolo per gli enti locali, Bologna 1986, pp. 13-17.
266. Il contributo della Deputazione agli studi storici: da Lionello d'Este a oggi (1984), in Il contributo della Deputazione provinciale ferrarese di storia patria al volto e alla storia di Ferrara in cento anni, Ferrara 1986, pp. 21-31.
267. Riflessioni sulla mia vita di studio, in Conferimento dell'Archiginnasio d'oro a Gina Fasoli, Bologna 1987, pp. 33-39, anche qui, pp. 7-13.
14 268. Le ricerche sull'origine dello Studio bolognese, in Lo Studio e la città - Bologna 1888-1988, a cura di W. Tega, Bologna 1987, pp. 55-61.
269. Le «Le Sette Chiese»: una vicenda ultramillenaria, in Sette colonne e sette chiese. La vicenda ultramillenaria del complesso di Santo Stefano, a cura di F. Bocchi, catalogo della mostra (Bologna 1987), Bologna 1987, pp. 11-17.
270. La rinascita del XII secolo - Il Comune e lo Studio, in Storia Illustrata di Bologna, a cura di W. Tega 1987, I, pp. 121-140.
271. S. Stefano, in Storia Illustrata di Bologna, a cura di W. Tega, 1987. 272. La feudalità siciliana nell'età di Federico II, in Il "Liber Augustalis" di Federico II di Svevia nella storiografia, a cura di A. L. Trombetti, Bologna 1987, pp. 403-421.
273. La cattedrale nella vita comunale, in Atti dell'VIII centenario della dedicazione del Duomo di Modena (1184-1984), Modena 1987, pp. 114-130.
274. Discorso di chiusura, in Produzione e circolazione libraria a Bologna nel Settecento. Avvio di un'indagine, Istituto per la storia di Bologna, Atti del 5° Colloquio, 22-23 febbraio 1985, Bologna 1987, pp. 445-450.
275. Il falso privilegio di Teodosio II per lo Studio di Bologna, in Fälschungen im Mittelalter, Monumenta Germaniae Historica, Schriften, 33, I-IV, Hannover 1988, pp. 627-641.
276. Unni, Avari e Ungari nelle fonti occidentali e nella storia dei paesi d'occidente, in Popoli delle steppe: Unni, Avari, Ungari, Settimane di studio del Centro italiano di studi sull'alto medioevo, XXXV, Spoleto 1988, pp. 13-53.
277. Epilogo, in Dal Piemonte all'Europa: esperienze monastiche nella società medievale, Deputazione Subalpina di Storia Patria Regione Piemonte, Torino 1988, pp. 607-613.
278. Ancora su Marco Lombardo (Purg. XVI, 46), in «Rendiconti dell’Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna», Classe di Scienze Morali, LXXIV (1985-1986), Bologna 1988,pp. 35-44.
279. Mille e non più mille. Un caso storiografico (Discorso inaugurale), in «Rendiconti dell’Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna», Classe di Scienze Morali, LXXV (1986-87), Bologna 1988, pp. 1-16.
280. Bassano del Grappa, a cura di G. Fasoli, Atlante Storico delle Città Italiane, Veneto I, Bologna 1988. 281. La storia, in Bassano del Grappa, a cura di G. Fasoli, Atlante Storico delle Città Italiane, Veneto I, Bologna 1988, pp. 7-36.
282. Presentazione, in F. SERVETTI DONATI, Budrio. Le strade e i luoghi: toponomastica storica, Budrio (Bo) 1988, pp. 7-9.
283. Presentazione, in Un naturalista dall'Ancien Régime alla Restaurazione: Giambattista Brocchi (1772-1826), Comitato per la Storia di Bassano, Qua derni Bassanesi, Storia 1, Vicenza 1988, pp. 3-4.
284. I bidelli: sotto la cattedra c'erano anche loro, in «Saecularia Nona», 3-4 (1988), pp. 50-53, 46-49.
285. Piero Zama alla Deputazione di Storia Patria, in Piero Zama nella cultura romagnola, Studi Romagnoli, Faenza 1988.
286. Le cose raccontano, Bologna 1988, pp. 62.
287. Epilogo, in Dal Piemonte all'Europa: Esperienze monastiche nella società medievale, XXXIV Congresso Storico Subalpino nel Millenario di S. Michele della Chiusa, Torino 1988, pp. 607-613.
288. Gynevera delle clare donne, in «Donne di Garbo», Primavera Uno (1988), pp. 10- 11. 15
289. Presentazione, in La rocca imperiale di Bologna, Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna, Documenti e Studi, XXII, Bologna 1989, pp. IX-X. 290. Le torri: realtà, incognite, ipotesi, in Le torri di Bologna, Bologna 1989, pp. 11- 27.
291. La medievistica nelle pubblicazioni della Deputazione, in La Deputazione di storia patria per le province di Romagna: centoventicinque anni dalla fondazione, Bologna 1989, pp. 37-44.
292. Molte storie: una storia, in Una rocca nella storia. Bazzano fra Medioevo e Rinascimento, Bologna 1989, pp. VII-VIII.
293. Tra passato e presente, nel chiostro di S. Francesco, in «Notiziario degli amici del Museo di Bassano del Grappa», 1 (1989), pp. 25-27.
294. Presentazione, in I documenti del Comune di Bassano dal 1259 al 1295, a cura di F. Scarmoncin, Padova 1989, pp. V-VIII.
295. Piante e fiori nell'antroponomastica altomedievale, in L'ambiente vegetale nell'alto medioevo, Settimane di Studio del Centro Italiano di Studi sull'alto medioevo, XXXVII, Spoleto 1990, pp. 381-398.
296. Anche la Deputazione di storia patria per le Venezie ha la sua storia, in «Archivio Veneto», serie V, CXXXV (1990), pp. 215-235.
297. Temporalità vescovili nel basso medioevo, in Vescovi e diocesi in Italia dal XIV alla metà del XVI secolo, Atti del VII convegno di Storia della Chiesa in Italia, “Italia sacra”, vol. 44, Studi e documenti di storia ecclesiastica, Roma 1990, pp. 757-772.
298. L'Italia meridionale fra Goti e Longobardi, XXXVII corso di cultura sull'arte ravennate e bizantina (Ravenna 1990), Ravenna 1990, pp. 185-194.
299. Noi e loro: antroponimi, zoonomi, soprannomi, cognomi, modi di dire, in «Obiettivi e documenti veterinari», anno XI n. 12 (1990), pp. 25-27.
300. Divagazioni attorno ad un'immagine, in I portici di Bologna e l'edilizia civile medievale, a cura di F. Bocchi, Bologna 1990, pp. 13-16.
301. Un santo e una città: il perché di un motivo iconografico, in I portici di Bologna e l'edilizia civile medievale, a cura di F. Bocchi, Bologna 1990, p. 14.
302. Donne al potere, in «Storia e dossier», n. 38 (1990) a cura di F. Bocchi, pp. 28-31.
303. Accademia delle scienze, Arcadia, Deputazioni di storia patria per le province di Romagna e Istituto per la storia dell'Università di Bologna, in «Rendiconti dell’Accademia delle Scienze di Bologna», LXXVIII (1989-90), Bologna (1991), pp. 21-27.
304. Premessa, in A. L. TROMBETTI BUDRIESI, Gli statuti del collegio dei dottori, giudici e avvocati di Bologna (1393-1467) e la loro matricola (fino al 1776), Documenti e Studi della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna, XXIII, Bologna 1990, pp. V-VII.
305. Presentazione, in R. DONDARINI, La “Descriptio civitatis Bononie eiusque comitatus” del cardinale Anglico (1371), Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna, Documenti e Studi, XXIV, Bologna 1990, pp. V-VI.
306. Postfazione, in Le grandi biblioteche dell'Emilia-Romagna e del Montefeltro, Bologna 1991, pp. 339-342.
307. Il patrimonio della Chiesa ravennate, in Storia di Ravenna, Ravenna 1991, II, pp. 389-400.
308. Problemi di metodo e formulazione di “voti”, in Bassano nei secoli della sua formazione. Città e territorio tra Duecento e Trecento, Comitato per la storia di Bassano, Quaderni Bassanesi, Storia 2, Bassano del Grappa 1991, pp. 9-11. 16
309. Santa Maria in Colle nella storia di Bassano, in Il duomo di Santa Maria in Colle di Bassano del Grappa, Bassano del Grappa 1991, pp. 7-11.
310. Conclusioni, in Giovanni Grisostomo Trombelli (1697-1784) e i Canonici Regolari del SS. Salvatore, a cura di M. G. Tavoni e G. Zarri, Mucchi, Modena 1991, pp. 267- 268.
311. Anniversario storico e Conclusione, in Il borgo franco di Castelleone, Atti del Convegno di studi, Castelleone 28-29 ottobre 1988, Castelleone 1991, pp. 9-18 e 103- 104.
312. Stadtadel und Bürgertum, in den Italienischen und deutschen Städten des Spätmittelalters, herausgegeben von R. Elze und G. Fasoli, „Schriften des Italienisch- Deutschen Historischen Instituts in Trient“, 2, Berlin 1991.
313. Tra servi ed ancelle, rileggendo il “Liber Paradisus”, in «Rendiconti dell’Accademia delle Scienze di Bologna», LXXIX (1990-91), Bologna (1992), pp. 5- 19.
314. Ceti dominanti nelle città dell'Italia centro-settentrionale fra X e XII secolo, in Nuovi studi ezzeliniani, a cura di G. Cracco, Istituto Storico Italiano per il Medioevo, Nuovi Studi Storici, XXI, Roma 1992, pp. 3-13.
315. Ricordi di Carlo Guido Mor (Milano, 30 dicembre 1903 – Cividale del Friuli, 19 ottobre 1990), in Committenti e produzione artistico-letteraria nell'alto medioevo occidentale, Settimane di studio del Centro Italiano di studi sull’alto Medioevo, XXXIX, Spoleto 1992, pp. 21-32.
316. Monte Battaglia: ricerche su di un toponimo, in Memorial per Gina Fasoli. Bibliografia ed alcuni inediti, a cura di F. Bocchi, Bologna 1993, pp. 63-66.
317. Fede e cultura nella terra bassanese, in Memorial per Gina Fasoli. Bibliografia ed alcuni inediti, a cura di F. Bocchi, Bologna 1993, pp. 67-73.
318. Giustiniano a Ravenna tra storia e leggenda, in Memorial per Gina Fasoli. Bibliografia ed alcuni inediti, a cura di F. Bocchi, Bologna 1993, pp. 75-84.
319. Libri e codici , in Memorial per Gina Fasoli. Bibliografia ed alcuni inediti, a cura di F. Bocchi, Bologna 1993, pp. 85-91.
320. Atti notarili e storiografia, in Memorial per Gina Fasoli. Bibliografia ed alcuni inediti, a cura di F. Bocchi, Bologna 1993, pp. 93-101.
321. “Gynevera delle clare donne”: frivolezze, austerità ed altro, in Memorial per Gina Fasoli. Bibliografia ed alcuni inediti, a cura di F. Bocchi, Bologna 1993, pp. 103-108.
322. Gli statuti dei comuni medievali, in Memorial per Gina Fasoli. Bibliografia ed alcuni inediti, a cura di F. Bocchi, Bologna 1993, pp. 109-122.
323. Lusso approvato e lusso riprovato, in Memorial per Gina Fasoli. Bibliografia ed alcuni inediti, a cura di F. Bocchi, Bologna 1993, pp. 123-143.
324. Domande, risposte, nuovi problemi, discorso di chiusura in Mercati e mercanti nell’alto Medioevo: l’area eurasiatica e l’area mediterranea, 1992, XL Settimana del Centro Italiano di Studi sull'alto medioevo, Spoleto 1993, pp. 885-901.
325. Medievistica rinascimentale tra Bologna e l’Europa, in Herrschaft, Kirche, Kultur: Beiträge zur Geschichte des Mittelalters: Festschrift für Friedrich Prinz zu seinem 65. Geburtstag, Stuttgart 1993, pp. 539-551.
326. Cicerone e Boncompagno da Signa: amicizia e vecchiaia, in Società, istituzioni, spiritualità: studi in onore di Cinzio Violante, Centro italiano di studi sull'alto Medioevo, Spoleto1994, 317-330.
327. Cronache medievali di Sicilia. Note d'orientamento, nuova edizione, testo riveduto da O. Capitani e da F. Bocchi, indice dei nomi a cura di A.I. Pini e di A. L. Trombetti Budriesi, Bologna 1995.

Note
1-Curriculum di Francesca Bocchi:
Professore ordinario di storia medievale nella Facoltà di Magistero (ora Scienze della Formazione) dell'Università di Bologna dall'1.11.1980.
docente di Storia delle città presso l'Università di Bologna dall'1.10.2001
docente di Ricerca storica e nuove tecnologie presso l'Università di Bologna dall'1.10.2001
docente di Storia delle città presso l'Università I.U.L.M. di Milano dall'1.10.1999
preside della Facoltà di Magistero (ora Scienze della Formazione) dal 1.11.1988 al 31.10.2000
presidente onorario della Conferenza nazionale permanente dei Presidi delle Facoltà di Scienze della Formazione
presidente del Comitato Italiano History & Computing, ramo nazionale dell'Association for History & Computing (Gran Bretagna)
membro del Consiglio direttivo dell'Association for History & Computing (Gran Bretagna)
rappresentante dell'Italia nella Commission Internationale pour l'Histoire des Villes condirettore dell'Atlante Storico delle Città Italiane
responsabile nazionale del progetto di ricerca ex-40 % sugli Atlanti storici delle città italiane e sulla ricostruzione virtuale delle città storiche
responsabile nazionale del progetto di ricerca CNR Agenzia 2000 (Città portuali del Mediterraneo)
responsabile di Unità operativa del progetto finalizzato CNR Beni Culturali 1996-2002, target 531, "Progetto di modello tridimensionale multimediale della città di Bologna per una mostra interattiva"
responsabile di progetto di ricerca nell'ambito della rete dei Centri di Eccellenza "E-Culture Net", finanziato nel 2002 con fondi europei (V Programma Quadro)
coordinatore del Dottorato di Ricerca in Storia e Informatica (Università di Bologna, Dipartimento di Discipline Storiche)
Responsabile scientifico del progetto Nu.M.E. (Nuovo Museo Elettronico della Città di Bologna)
Presidente del Comitato "Patrimoni" della Commissione Nazionale Italiana Unesco

Bibiliografia
- La pittura storica dell’Ottocento tra Pietro Selvatico e Jacob Burckhardt, in "Convivium", XXXV (1967), n. 6, pp. 674-691
- recensione a: Albano Sorbelli, I Bentivoglio Signori di Bologna, a cura di Marsilio Bacci, Bologna 1969, in "Culta Bononia", 1 (1969), n. 2, pp. 299-301
- Cronaca dell’ XVII Settimana di Studio in Spoleto: La Storiografia altomedievale, in "Convivium", XXXVII (1969), n. 3, pp. 361-378
- Federico Barbarossa e la Lega Lombarda nella pittura italiana dell’Ottocento, in Popolo e Stato in Italia nell’età di Federico Barbarossa. Alessandria e la Lega Lombarda, Atti del XXXIII Congresso Storico Subalpino, Alessandria 6-9 ottobre 1968, Torino 1970, pp. 457-465
- Vicende dell'Archivio Bentivoglio attualmente conservato nell'Archivio di Stato di Ferrara, in "Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna", n.s. XVI-XVII (1969), pp. 351- 374
- Una fonte di reddito dei Bentivoglio: le condotte militari, in "Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna", n. s. XX (1969), pp. 429-442
- Cronaca dell’ VIII Congresso di archeologia cristiana in Barcellona, in "Nuova Rivista Storica", LIV (I970), pp. 177-188
- Il patrimonio bentivolesco alla metà del '400, "Fonti per la storia di Bologna", V, Istituto per la Storia di Bologna, 1971, pp. 211 e10 t.f.t.
- I Bentivoglio da cittadini a signori, in "Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna", n.s., XXII (1971), pp. 43-64 con albero genealogico f.t.
- Patti e rappresaglie fra Bologna e Ferrara dal 1193 al 1255, in "Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna", n.s., XXIII (1972), pp. 45-115
- Le imposte dirette a Bologna nei secoli XII e XIII, in "Nuova Rivista Storica", LVII (I973), pp. 273-312
- La Madonna del Monte nella tradizione civica e religiosa bolognese, in Arte romanica a Bologna. La Madonna del Monte, Bologna 1973, pp. 99-111
- Il necrologio della canonica di Santa Maria di Reno e di San Salvatore di Bologna: note su un testo quasi dimenticato, in "Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna", n.s. XXIV (I973), pp. 53-132
- Note di storia urbanistica ferrarese nell'alto medioevo, "Atti e Memorie della Deputazione Provinciale Ferrarese di Storia Patria", s. III, XVIII (I974), pp. 9-88 e 4 tavv. f.t.
- Dévelopement urbanistique de Ferrare, in "Cahiers bruxellois", XX (1975), pp. 64-77 e 2 tavv. f.t.
- Le città emiliane nel Medioevo, in Storia dell'Emilia Romagna, I, Bologna 1975, pp. 405-433
- Uomini e terra nei borghi ferraresi (1494), in "Studi Urbinati", XLIX (1975), pp. 111-126
- Ferrara, una città fra due vocazioni: urbanistica e storia da piazzaforte militare a centro commerciale, in Insediamenti nel Ferrarese. Dall'età romana alla fondazione della cattedrale, Firenze 1976, pp. 125-152
- Il potere economico dei Bentivoglio alla fine della loro signoria, in "Il Carrobbio", 2 (1976), pp. 77-89
- Suburbi e fasce suburbane nelle città dell'Italia medievale, in "Storia della Città", 5 (1977), pp. 15-33
- Uomini e terra nei borghi ferraresi (1494), in Il Rinascimento nelle corti emiliane. Società e cultura, Bari 1977, pp. 329-340
- Uomini e terra nei borghi ferraresi. Il catasto parcellare del 1494, Ferrara 1976, pp. 201 e 9 tavv. f.t.
- Per la storia della Chiesa di Ferrara nel secolo X: il vescovo Martino (936-967), in "Rivista di Storia della Chiesa in Italia", XXXI (1977), pp. 157-181
- Sul titolo di "consul" in età alto medievale, in "Zbornik Radova Vizantoloskog Instituta" (Recueil de traveaux de l'Institut d'ätudes byzantines)", Belgrado, XVIII (I978), pp. 51-66
- Medioevo presente, in "Quaderni storici", 6 (1978), pp. 145-149
- Carpi fra Medioevo e Rinascimento, in "Tribuna", 4 (1978), p.3
- Monasteri, canoniche e strutture urbane in Italia, in Istituzioni monastiche e istituzioni canonicali in Occidente. 1123-1215, Atti della VII Settimana intern. di studi medievali. Meldola 1977, Milano 1979, pp. 265-316
- I catasti quattrocenteschi di Carpi: note per la loro utilizzazione storiografica, in Società, politica e cultura a Carpi ai tempi di Alberto III Pio, Padova 1981, pp. 427-467, 29 tavv.
- Istituzioni e società a Ferrara in età precomunale. Prime ricerche, in "Atti e memorie della Deputazione Provinciale Ferrarese di Storia Patria", s. III, XXVI, Ferrara 1979, pp. 175
- recensione a A: Hessel, Storia della città di Bologna dal 1116 al 1280, éd: italienne par G. Fasoli, Bologna 1975, in "Cahiers de Civilisation medievale", XXII (1979), 2, pp. 196-197
- Castelli urbani e città nel regno di Sicilia all'epoca di Federico II, in Federico II e l'arte del Duecento italiano, Atti del Convegno, maggio 1978, Ist. di Storia dell'Arte, Univ.di Roma, Galatina 1980, pp. 53-74
- Centri minori e fonti catastali. Struttura sociale e spazio urbano nel territorio bolognese attraverso il Catasto Boncompagni (1789): un metodo di analisi, in "Storia della Citt›", 11 (1979), pp. 5-42
- La città e l'organizzazione del territorio in età medievale, in La città in Italia e in Germania nel Medioevo: Cultura, istituzioni, vita religiosa, Atti della settimana di studio, Ist. storico italo germanico in Trento, Bologna 1981, pp. 51-80
- Imposte dirette e ceti sociali a Bologna in età comunale, in "Cultura e scuola", 77 (1981), pp. 99-106
- Il catasto come fonte storica, in "Problemi della Transizione", 7, 1981, pp. 156-160
- Aspetti di vita quotidiana nel castello di Suviana (1235), in "Atti e Memorie della Deputazione di storia patria per le province di Romagna", n.s. XXXI-XXXII (1980-81), pp. 115-135
- I debiti dei contadini (1235). Note sulla piccola proprietà terriera bolognese nella crisi del feudalesimo, in Studi in memoria di Luigi Dal Pane, Bologna 1982, pp. 169-209
- La Terranova da campagna a città, in Lo spazio e la corte: Ferrara Estense, Roma 1982, pp. 167-192
- Il comune di Bologna e i signori del contado (secc. XII-XIII), in "Atti e Memorie della Deputazione di storia patria per le province di Romagna", n.s. XXXIII (1982), pp. 79-94
- Riflessioni sulla storia della città tra Medioevo e Rinascimento, in "Societ› e Storia", 18 (1982), pp. 921-924
- Il patrimonio di San Francesco di Bologna, in "Storia della Citt›", 26-27 (1984), pp. 101-114
- La famiglia contadina in alcune zone della pianura bolognese alla metà del '400 in Strutture familiari, epidemie, migrazioni nell'Italia medievale, (Siena 1983), Napoli 1984, pp. 219-235
- Les villes italiennes au bas moyen age, in "Annals de la IIona Universitat d'Estiu", Andorra 1984, pp. 3-13
- Trasferimenti di lavoratori e studenti a Bologna nel basso Medioevo, in Forestieri e stranieri nelle città basso-medievali, Atti del Seminario Internazionale di Studio di Bagno a Ripoli (Firenze), 1984, pp. 251-261
- L'autonomia e la repressione: castelli urbani e città nel regno di Sicilia in età federiciana, in "Atti della V Giornata Federiciana" (Oria 1980), Brindisi 1984, pp. 73-97
- Nuovi contributi alla storia di Carpi: la documentazione della città al 1472, in "Storia della Città", 30 (1984), pp. 5-26 - (a cura di), Informatica e storia urbana, numero monografico, "Storia della Città", 30 (1984)
- Le monde decouvert par les Italiens, in "Annals de la IIIera Universitat d'Estiu", Andorra 1985, pp. 60-70
- Architettura popolare in Italia: Emilia Romagna, Roma-Bari 1985, pp. 255
- Estimi e catasti come fonti storiche, in Per una storia dell'Emilia-Romagna, Bologna 1985
- Gli Estensi a Ferrara: il Castello come struttura di potere, in Il Castello, origini, realtà, fantasia, Ferrara 1985, pp. 21-27
- (con E.Guidoni), Progetto per un atlante storico delle città italiane, in "Nuova Rivista Storica", LXIX (1985), pp. 531-533
- Una campagna per la città: la politica annonaria delle città emiliane nel Medioevo, in "Annali dell'Istituto Alcide Cervi", 7 (1985), ma 1986, pp. 65-88
- Forme insediative e abitazioni in alcune zone del contado bolognese (1235) in "Atti e Memorie della Deputazione di storia patria per le province di Romagna", XXXV (1984), Bologna 1986, pp. 61-79
- C’era una volta…, in "Donne di Garbo". Inverno Uno (1986), pp. 13-15
- Gestione dello spazio e vita comunitaria negli statuti del Frignano del 1337-1338, in Territori, strade e comunità d'insediamento attraverso la lunga durata, IV Convegno di Storia territoriale (Pavullo 1984), Modena 1986, pp. 47-59
- (a cura di), Carpi, "Atlante Storico delle Città Italiane", Emilia-Romagna, 1, Bologna 1986, pp. 76
- La storia, in Carpi, "Atlante Storico delle Città Italiane", Emilia-Romagna, 1, Bologna 1986, pp. 7-31
- Città e campagne nell'Italia centro-settentrionale (secc. XII-XIV), in "Storia della Città", 36 (1986), pp. 101-104
- Conclusioni in La civiltà comacchiese e pomposiana dalle origini preistoriche al tardo medioevo, Atti del convegno di studi storici, Comacchio 1984, Bologna 1986, pp. 721-730
- L'azienda Santo Stefano, in Sette colonne e Sette Chiese, la vicenda ultramillenaria del complesso di S. Stefano in Bologna, Bologna 1987, pp. 183-210
- Società e politica a Ferrara tra Ravennati e Canossani, in Storia di Ferrara, IV, L'Alto Medioevo, VII-XII secolo, Ferrara 1987, pp. 195-225
- La legislazione statutaria dei comuni emiliani in materia urbanistica, in "Cultura e Scuola", 102 (1987), pp. 86-94
- Introduzione a Carpi. Immagine e immaginario. Viaggiatori, storici, letterati, osservatori, Bologna 1987, pp. 9-28
- Gli Estensi nel Rinascimento. 1441-1598, in Storia illustrata di Ferrara, 22, 1987, pp. 337-352
- La Signoria Estense tra Medioevo e Rinascimento (1293-1441), in Storia illustrata di Ferrara, 8, 1987, pp. 113-128
- Dal Comune alla Signoria Estense. 1119-1293, in Storia illustrata di Ferrara, 7, 1987, pp. 97-112
- Nascita della città e primo sviluppo. VII-XI secolo, in Storia illustrata di Ferrara, 1, 1987, pp. 1-16
- La crescita urbana. V-XV secolo, in Storia illustrata di Bologna, 9, 1987, pp. 161-180
- Quasi un simbolo, in "Bologna" LXXIII (1987), 1/2 pp. 97-
- I portici e l'edilizia civile medievale, in Storia illustrata di Bologna, 20, 1987, pp. 381-400
- Dall'Alto Medioevo al Comune, in Storia illustrata di Reggio Emilia, 4, 1987, pp. 49-64
- Il Comune. 1115-1290, in Storia illustrata di Reggio Emilia, 7,1987, pp. 97-112
- Attraverso le città italiane nel Medioevo, Bologna 1987, pp. 208
- Normativa urbanistica, spazi pubblici, disposizioni antinquinamento nella legislazione delle città emiliane, in Cultura e società nell'Italia medievale, Studi per Paolo Brezzi, Roma 1988, pp. 91-115
- Architettura popolare, in Storia illustrata di Ferrara, n. 41, 1988, pp. 641-656
- (con F. Lugli), Computer Methods Used to Analyse and Re-construct the Cadastral Map of the Town of Carpi (1472), in History and Computing", eds. P. Denley e D. Hopkin, Manchester 1987, pp. 222-227
- Storia urbana al computer, in "Storia e Dossier", III, n. 24, dic. 1988, pp. 43-47
- Sotto i portici di Bologna, in "Storia e Dossier", III, n. 23, nov. 1988, pp. 24-30
- Analisi ed elaborazione fonti quantitative, in Bassano del Grappa, "Atlante Storico delle città italiane", Veneto, 1, Bologna 1988, pp. 15, 28, 29, 30, 32, 34
- (con F: Lugli), Methode informatique utilisée pour l'analyse et la reconstruction graphique du plan cadastral de Carpi (1472), (Colloque international de St.Cloud, Paris 1985), Ecole Fran¡aise. de Rome, 1989, pp 229-54
- Informatica e storia della città medievale: l'esperienza di Bologna, in AA.VV., Informatica e Medioevo, Roma-Bari 1989, pp. 20
- Il disegno della città negli atti pubblici dal XII al XIV secolo, in C. Bertelli (a cura di), Il Millennio ambrosiano. La nuova città dal Comune alla Signoria, Milano, 1989, pp. 208-236
- Sponsor e ricerca umanistica, un rapporto non facile, in "Saecularia Nona", 8 (1989), pp. 52-56
- L'Atlante storico delle città italiane, in "L'Ippogrifo", II, 1 (1989), pp. 79-84
- Medioevo in Miniatura, in "Storia e Dossier", IV, n. 29, mag. 1989, pp. 46-49
- La costruzione del Duomo specchio della società modenese, in Wiligelmo e Lanfranco nell'Europa romanica, Modena 1989,.pp. 27-33
- Gli insediamenti a corte aperta nei rilievi dei periti agrimensori ferraresi, in V. Ferrioli e R. Roda (a cura di), La terra vecchia. Contributi per una storia del mondo agricolo ferrarese, Ferrara 1989, pp. 37-40
- I sistemi urbani, in Le Italie del tardo Medioevo, a cura di Sergio Gensini, Collana di studi e ricerche. Centro di studi sulla civiltà del tardo Medioevo, San Miniato, Pisa 1990, pp. 93-119
- (a cura di) Matilde di Canossa, una donna del Mille, dossier della riv. "Storia e Dossier", n. 38, 1990
- L'epoca di Matilde, in Matilde di Canossa, una donna del Mille, a cura di F. Bocchi, "Storia e Dossier", n. 38, 1990, pp. 6-14
- (a cura di) I portici di Bologna e l'edilizia civile medievale, catalogo della mostra, Bologna, Palazzo del Podestà aprile-luglio 1990, Bologna 1990, pp. 351
- Storia urbanistica e genesi del portico a Bologna, in I portici di Bologna e l'edilizia civile medievale, Bologna 1990, pp. 65-87
- L'edilizia civile bolognese fra Medioevo e Rinascimento. Le miniature del Campione di S. Maria della Vita (1585-1601), Bologna 1990, pp. 6-90
- Regulation of the urban environment by the Italian Communes from the twelfth to the fourteenth century, in "Bolletin of the John Rylands University library of Manchester", 72/3 (1990), pp. 63-78
- Informatica e storia della città medievale. L'esperienza di Bologna, in "Annals of the archive of 'Ferran Valls i Taberner's Library", Barcelona 1991, pp. 191-204
- Dall'archivio storico al calcolatore, in "Rivista IBM", 1992, pp. 30-40
- (con M. Ghizzoni), Sistema informativo multimediale per l'analisi urbana del centro storico di Bologna, in "Seventh International Congress fot the Association for History & Computing", Abstracts, Bologna 1992, pp. 147-148
- Informatica e storia della città medievale, in Calcolatori e Scienze Umane, Atti del Convegno org. dall'Accademia dei Lincei e dalla Fondazione IBM Italia, Roma 1992, pp. 87-102
- Analisi quantitativa del patrimonio di Ezzelino III da Romano, in "Nuovi Studi Ezzeliniani", Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Nuovi studi Storici, 21 (1992), pp. 629-708
- voce Bologna, in "Enciclopedia dell'arte medievale", III, Roma 1992, pp. 576-580
- Città e mercati nell'Italia padana, in Mercati e mercanti nell'alto Medioevo: l'area euroasiatica e l'area mediterranea, XL Settimana del Centro Internaz. di studi sull'alto Medioevo (1992), Spoleto 1993, pp. 139-185
- Gina Fasoli. Vita e opere, in "L’Illustre Bassanese". Bimestrale monografico di cultura bassanese", n. 25 settembre 1993
- (edd. F. Bocchi, P. Denley), Storia e Multimedia, Proceedings of the VII International Congress of Association of History & Computing (Bologna 1992), Bologna 1994
- Regolamenti urbanistici, spazi pubblici, disposizioni antinquinamento e per l'igiene nelle maggiori città della Sardegna medievale, in La Corona d'Aragona in Italia (secc. XIII-XVIII), Atti XIV Congresso della Corona d'Aragona (Alghero 1990), II, 1, Sassari 1995, pp. 73-124
- Il Broletto, in Milano e la Lombardia in età comunale, secoli XI-XIII, Milano 1993, pp. 38-42
- (a cura di), Memorial per Gina Fasoli, bibliografia e alcuni inediti, Bologna 1993, pp. 146
- Gina Fasoli, in memoriam, in La storia come storia della civiltà, Atti del Memorial per Gina Fasoli, Bologna 1993, pp. 9-29
- Trasformazioni urbane a Porta Ravegnana (X-XIII secolo), in R. Scannavini (a cura di), Piazze e mercati nel centro antico di Bologna. Storia urbanistica dall'età romana al medioevo, Bologna 1993, pp. 13-44
- Zakonodatel'nye normy po gradoustrojstvu ital'janiskich kommun (XIII-XIV vv.) [Normativa urbanistica dei comuni italiani (secoli XIII-XIV)], in Kul'tura i obscesivo Italii nakanune novogo vremeni Cultura e societ› in Italia, Moskva 1993, pp. 16-22
- Normativa urbanistica nei comuni italiani (secoli XII-XIV), in J.Agirreazkuenaga e M. Urquijo (a cura di), Storia locale e microstoria: due visioni in confronto, Bilbao 1993, pp. 99-115
- In memoriam, Gina Fasoli, in "Newsletter of the International Commission for the History of Towns", n. 13, Bruxelles 1993, pp. 31-33"
- Normativa urbanistica e modernizzazione della città storica a Bologna nel XIII secolo, seminario del Warburg Institut, University of London, in corso di stampa
- voce Città, in "Enciclopedia dell'arte medievale", V, Roma 1994, pp. 3-9
- Federico II e la cultura urbanistica, in Federico II e le nuove culture, Atti del XXXI Convegno storico internazionale (Todi 1994), Centro Italiano di Studi sul basso medioevo, Spoleto 1995, pp. 475-506
- Bologna e i suoi portici. Storia dell'origine e dello sviluppo, Bologna 1995, pp. 48
- La "cultura delle città" in età federiciana, Congresso Internazionale in occasione del Centenario federiciano, Potenza 1994, c.s.
- Prolusione, in La libertà di decidere: realtà e parvenze di autonomia nella normativa locale del medioevo, Atti del Convegno Nazionale di studi (Cento 6/7 maggio 1993), a cura di Rolando Dondarini, Cento 1995 pp. 29-34
- Bologna. Il Duecento, "Atlante Storico delle città italiane", Emilia Romagna, 2, Bologna 1995, pp. 216
- Le dévelopement urbanistique oriental de Bologne (Xe-XIIe siècle), in Peasants and Townsmen in medieval Europe, Studia in honorem Adriaan Verhulst, Gent 1995, pp. 135-150
- Dalla grande crisi all'età comunale (secoli IV-XII), in Bologna. Da Felsina a Bononia.. Dalle origini al XII secolo, " Atlante Storico delle città italiane", Emilia Romagna, 2, Bologna 1996, pp. 49-114
- Le città e Federico II, in "Congresso Internazionale VIII Centenario della nascita di Federico II", Cosenza maggio 1996, c.s.
- Organizzazione urbana, istituzioni e residenze pubbliche a Bologna fra XII e XIII secolo, Tergovice (Romania) giugno 1996, in "Congresso Internazionale....", c.s.
- La Piazza Maggiore di Bologna, in La piazza del Duomo nella città medievale (Nord e Media Italia, secoli XII-XVI), Atti della giornata di studio, Italia, Orvieto 4 giugno1994, a cura di L. Riccetti "Bollettino Istituto Storico Artistico Orvietano" XLVI-XLVII, 1990-1991 [ma 1997], pp. 135-146

- Bologna e la sua storia raccontate in un Atlante, in "Saecularia Nona", 13, 1996/97, pp. 26-31.
- Lo specchio della città, in F. Bocchi (a cura di), Lo specchio della città. Le piazze nella storia dell'Emilia Romagna, Bologna 1997, pp. 9-77
- Stadtsoziologische Methodologien und kartographische Techniken der Historische Italienische Städteatlas (Norditalien und Sardinien), in Landesgeschicte als Herausforderung und Programm, Karlheinz Blaschke zum 70. Geburstag, Leipzig 1997, pp. 761-771
- Ecologia urbana nelle città medievali italiane, Congresso San Miniato, febbraio 1998, c.s.
- Acque nere acque chiare, in "Medioevo" n. 5 (16) Maggio 1998, pp. 72-76.
- Operazione città pulita, in "Medioevo" n. 5 (16) Maggio 1998, pp. 77-80.
- Medioevo virtuale, in "Medioevo", n. 11 (22) novembre 1998, pp. 58-62.
- (a cura di), Atlante multimediale di Bologna. La storia, i luoghi, gli uomini. Indici e bibliografia. CD ROM, Bologna 1999.
- Aspetti e problemi della città medievale italiana, Bologna 2000, pp. 248
-La formazione dei caratteri originali delle città italiane: l'eredità del mondo antico, Centro di studi sulla civiltà del tardo Medioevo di San Miniato, 2000, in corso di stampa
- (con M. Ghizzoni e R. Smurra) Storia delle città italiane. Dal Tardoantico al primo Rinascimento, Torino 2002.
- (a cura di F. Bocchi e R. Smurra) Imago urbis. L'immagine della città nella storia d'Italia. Atti del Convegno Internazionale (Bologna 5-7 settembre 2001), Roma 2003.

Fonti internet
http://www.storiaeinformatica.it/centro_gif/italiano/biobiblio_b.html
 
 
SEGNALI
DISCLAIMER
©2003 www.officinae.net